Ricciardi: necessario ripetere il lockdown restrittivo di marzo

Per Ricciardi sarebbe necessario tornare ad un lockdown rigido come quello dello scorso marzo

ricciardi nuovo lockdown
(Getty Images)

Il consulente del Ministro della salute Speranza, Walter Ricciardi, ha affermato la necessità di tornare al più presto ad un nuovo e “vero” lockdown, come quello che si è avuto lo scorso marzo.

Lo ha affermato a Radio Popolare sottolineando che, solo con un ritorno alle condizioni piuttosto rigide dello scorso anno, si potrà sperare in un ritorno alla “normalità“. Secondo Ricciardi, infatti, la divisione del paese in fasce colorate non incide sull’arresto dei contagi.  Opportuno quindi un nuovo lockdown di “tre o quattro settimane”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bollettino del 24 gennaio: oltre 11mila nuovi casi di contagio

Il consulente del Ministro Speranza, Walter Ricciardi, spiega la necessità di un nuovo lockdown

ricciardi nuovo lockdown
(Getty Images)

Sarebbe necessario ripetere le misure più drastiche adottate lo scorso marzo per arrestare la catena dei contagi. Ad affermarlo Walter Ricciardi che, a Radio Popolare, ha sottolineato come le zone arancioni attuali non servano per arrestare la catena dei contagi.

Queste – spiega Ricciardi –  bastano solo a “tenere l’epidemia in una situazione stabile ma non per farla diminuire”. La divisione del Paese in fasce, quindi, apparirebbe come una misura blanda in grado di protrarre inutilmente una situazione destinata a non giungere al termine. Prorogarla significherebbe soltanto peggiorare la già complicata condizione economica e sanitaria in cui verte il Paese.

Si tratta di “una evidenza scientifica” che, a quanto pare, continua a non essere compresa dai paesi europei, inclusa l’Italia. Come se non bastasse, i problemi relativi alla campagna vaccinale, porteranno ad un ritardo delle iniezioni per gli over 80; queste sono destinate, probabilmente, ad essere eseguite tra la “fine di febbraio” e la “prima settimana di marzo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, oggi il monitoraggio sulle regioni: cosa potrebbe cambiare

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Radio Popolare (@radiopopolare)

Preoccupa, inoltre, la diffusione della “variante inglese” che potrebbe imporsi nel corso delle prossime settimane. Serve, quindi, fronteggiare la situazione con “armi appropriate” per evitare di soccombere, conclude Ricciardi.