Variante inglese del Covid, la Germania lancia un preoccupante avvertimento

La variante Inglese del Covid potrebbe diventare la forma più comune del virus e prevalere sulle altre: la notizia giunge dalla Germania.

Variante inglese Covid-19 dominante
(Getty Images)

Destano non poche preoccupazioni le varianti del Covid-19. Quella Inglese, in particolar modo, starebbe impensierendo i Governi di tutte le Nazioni che ad oggi non conoscono le sue caratteristiche e temono possa essere più aggressivo rispetto al ceppo originale. Dalla Germania è partito un allarme che lascia presagire come i timori possano essere ampiamente fondati.

Leggi anche —> Varianti Covid: dopo quella inglese arriva la francese, allarme a Parigi – VIDEO

Variante inglese del Covid potrebbe divenire la forma dominante

Coronavirus bollettino Italia gennaio
(Getty Images)

Leggi anche —> Varianti Covid, l’allarme dell’OMS: aumentano i paesi dove si sono diffuse

La variante inglese potrebbe divenire la forma dominante del Covid. È questo l’allarme lanciato dal Governo Tedesco. Proprio in Germania tale mutazione starebbe prendendo piede al punto da soppiantare la versione originaria.

Helge Braun avrebbe rilevato la criticità facendolo presente nel corso di un’intervista ad un’emittente tedesca, riporta la redazione di Fanpage. Il capo di gabinetto della Cancelleria avrebbe riferito che la variante inglese potrebbe arrecare non pochi danni e che per tale ragione, ora più che mai è necessario ridurre i contagi e limitare la circolazione del Covid e della sua mutazione.

L’obbiettivo della Germania è, dunque, quello di limitare il diffondersi del virus soprattutto nelle zone ove sta già prepotentemente imperversando. Ormai la variante britannica sarebbe giunta in ben cinquanta nazioni, un dato da non sottovalutare. Circostanza che, come riferito in premessa, starebbe impensierendo non poco.

Il Primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, qualche settimana fa avrebbe riferito di come questa mutazione sarebbe comparsa a Londra già prima delle festività natalizie. A intimorire, riporta Fanpage, non soltanto il fatto che parrebbe più contagiosa, ma anche il fatto che secondo i dati rilevati parrebbe avere un tasso di letalità maggiore rispetto alla versione originaria, quantificata nella misura del +30%.

Caratteristiche ora al vaglio della comunità scientifica, ma che già ad una prima analisi potrebbe essere la spiegazione dell’esponenziale aumento delle morti e di casi con manifestazioni gravi del Covid. Tuttavia, e questa sarebbe la nota positiva, è che i vaccini attualmente in circolazione sarebbero utili a contrastarlo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Coronavirus bollettino Italia gennaio
(Getty Images)

Stando a quanto riferito dal professore Antonio Mastino, riporta Fanpage, le mutazioni sono fisiologiche e se da una parte destano maggiori preoccupazioni a causa della maggior trasmissibilità dall’altra proprio grazie alle attuali competenze ed informazioni non dovrebbe incutere timore.