Fuga oltre i Pirenei: i francesi corrono verso Madrid

I cittadini francesi si sottraggono alle misure restrittive contro il Covid-19: la loro fuga si spinge al di là dei Pirenei.

Nelle ultime settimane numerosi cittadini francesi sono in viaggio per evitare le rigide restrizioni anti-Covid imposte dalle autorità locali. La loro fuga è indirizzata al di là dei Pirenei, precisamente a Madrid. Citando le parole di Carlos Grego, un proprietario di un bar madrileno, il notiziario francese CNews riporta la vastità del fenomeno turistico, specificando che, al momento, gli unici visitatori che circolano per le vie della capitale spagnola sono “esclusivamente cittadini francesi”. A Madrid, l’unica restrizione da rispettare è il coprifuoco a partire dalle ore 22:00. Tuttavia, per poter rientrare in Francia i francesi saranno inoltre obbligati a certificare la loro negatività al SARS-CoV-2 tramite presentazione del test molecolare PCR RT-PCR (Reverse Transcription-Polymerase Chain Reaction).

LEGGI ANCHE >>> Uccidono 15enne in un supermercato: il video dell’omicidio in diretta su Facebook

Francia: “il coprifuoco non sta frenando il virus”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> “Il Murales? È politico, cambiamolo”: Vox e la destra contro l’opera femminista

Riguardo al Covid-19, la situazione in Francia continua a peggiorare. l numero di pazienti in terapia intensiva a causa dell’infezione SARS-CoV-2 aumentano secondo ritmi inopinabili e spaventosi. La minaccia di un severo lockdown pesa sempre di più per ciascun angolo dell’Esagono. Il politico Gabriel Attal ha dichiarato che uno un potenziale scenario futuro sarà un “isolamento molto rigido”. Difatti, il coprifuoco a partire dalle ore 18:00 è finora risultato poco efficace. Secondo quanto riporta il portavoce del governo, la misura contenitiva ha in realtà “un’efficacia relativa” e non sta contribuendo a “rallentare sufficientemente” la diffusione del virus Covid-19.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Attualmente si stanno ipotizzando “diversi scenari” per poter affrontare al meglio la situazione sanitaria. “Le nuove restrizioni saranno oggetto di consultazione tra il Parlamento e i diversi sindacati” – ha precisato Gabriel Attal al termine del Consiglio dei ministri.

Fonte CNews