Guai per un attore della serie tv Gomorra: arrestato

Tra gli arresti effettuati dalla Guardia di Finanza, nell’ambito di una vasta operazione antidroga, c’è anche un attore della nota serie tv Gomorra.

Arrestato attore Gomorra operazione Guardia di Finanza
Guardia di Finanza (mino21 – AdobeStock)

Un attore della nota serie tv Gomorra è stato arrestato dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un’operazione volta a sgominare dei gruppi di narcotrafficanti tra Torre Annunziata e i quartieri napoletani di Scampia e Secondigliano. Ad essere fermato è Carlo Cuccia, 40enne di Tradate (Varese) che aveva preso parte ad un episodio della seconda stagione di Gomorra interpretando il ruolo del “palo“. La vasta operazione ha portato all’arresto di 20 persone ed al sequestro di diversi chili di sostanze stupefacenti.

Leggi anche —> Uccide due donne e pubblica il video in diretta su Instagram: arrestato fratello di un noto rapper

Napoli, vasta operazione antidroga: tra gli arresti anche una comparsa della serie tv Gomorra

Guardia di Finanza mascherine
Guardia di Finanza (Getty Images)

Leggi anche —> Bambino chiama i carabinieri e fa arrestare il padre: la ricostruzione della vicenda

Questa mattina, martedì 2 febbraio, la Guardia di Finanza ha condotto una vasta operazione per sgominare dei gruppi di narcotrafficanti tra Torre Annunziata e i quartieri napoletani di Scampia e Secondigliano. Nel corso del blitz antidroga, che, come riporta la redazione de Il Mattino, ha visto in campo ben 200 finanzieri, coordinati dalla Direzione distrettuale Antimafia, sono stati effettuati arresti e perquisizioni tra la Campania, la Sicilia, il Piemonte e la Lombardia. Inoltre, le forze dell’ordine hanno sequestrato: 576 kg di hashish, 11 kg di cocaina, oltre 166mila euro in contanti e armi.

Nel dettaglio, sono 20 le persone finite in manette, 10 delle quali posti alla misura dei domiciliari. Tra queste figurerebbe anche Carlo Cuccia, 40enne di Tradate (Varese) che era stata una comparsa della serie Gomorra. Nella celebre serie, Cuccia era un cosiddetto “palo” o come si dice in gergo “specchiettista“, ossia chi in un gruppo indica al gruppo di fuoco l’obiettivo. Dalle indagini sarebbe emerso, riporta Il Mattino, il 40enne sarebbe stato il referente italiano dei fornitori di droga spagnoli per conto della famiglia di narcotrafficanti Dannier di Secondigliano.

Il gruppo dei Dannier, per il quale Cuccia avrebbe lavorato, si era separato dai Manzi dopo un ingente sequestro di sostanze stupefacenti da parte delle forze dell’ordine a Genova. Le due famiglie, secondo gli inquirenti, da quel momento avrebbero legato rapporti con narcotrafficanti stranieri per conto proprio.

Tra gli arrestati, riferisce Il Mattino, vi è anche Armando Manzi che sarebbe stato in rapporti con i narcos colombiani organizzando un’importante trasferimento di cocaina dal porto di Buenaventura, proprio da qui prende il nome dell’operazione condotta dalla Gdf.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza (Getty Images)

La droga, nascosta in alcuni container, sarebbe dovuta giungere a Algeciras, dove alcuni operatori portuali avrebbero dovuto recuperarla, ma il trasferimento non andò a buon fine.