Spagna: covid fa strage in casa di riposo malgrado la prima dose del vaccino Pfizer

In Spagna è avvenuto il drammatico caso relativo al decesso di sette anziani in una casa di riposo. Nonostante la prima dose del vaccino Pfizer gli ospiti della struttura hanno contratto il virus.

Norvegia, 23 morti forse collegate dopo il vaccino Pfizer. L’NIPH: “Ora niente allarmismi”
Vaccino anti Covid (Foto di torstensimon da Pixabay)

Arriva dalla Spagna il drammatico caso relativo al decesso di sette anziani in una casa di riposo. Tutti i residenti della struttura di Lagartera, per un totale di 78 persone, sono risultati positivi al covid dopo essersi sottoposti alla prima dose del vaccino Pfizer.

Di questi sette non ce l’hanno fatta. Secondo il loro quadro medico presentavano pregressi problemi di salute. 4 degli anziani ospitati sono ancora ricoverati. Anche alcuni membri del personale sono stati contagiati.

Il grande focolaio si è diffuso a Toledo, nel sud-ovest di Madrid. Subito sono state attuate tutte le misure di sicurezza per contenere la situazione. I 33 dipendenti dovranno risultare tutti negativi al tampone per poter tornare al lavoro.

LEGGI ANCHE > Covid, pronta la diffida contro Pfizer per i tagli ai vaccini

Contraggono il virus nonostante la prima dose del vaccino: primo focolaio della struttura

pfizer vaccino
pfizer vaccino (Getty Images)

LEGGI ANCHE > Vaccino, Pfizer: “L’Italia avrà le sue fiale anche se ci farà causa”

Lo scorso 13 gennaio tutti i membri della casa di cura, dagli ospiti al personale, si erano sottoposti alla prima dose del vaccino Pfizer. Dopo sei giorni dieci anziani aveva mostrato i primi sintomi. Non è stato individuato il soggetto che ha infettato la struttura con il virus. Dopo cinque giorni dalla vaccinazione sono stati 5 gli addetti rimasti a casa per malattia.

ll 21 gennaio, la direzione della struttura ha deciso di mettere in quarantena tutti gli anziani nelle loro stanze. Dopo pochi giorni i risultati del tampone hanno fatto emergere la positività di tutti tranne un ospite risultato poi anche lui affetto dal virus in seguito.

La Residenza Lagartera ha sottolineato che questo è stato il primo focolaio da inizio pandemia. La seconda dose del vaccino sarà somministrata oggi.

Il vaccino Pfizer garantisce un’efficacia pari al 95% dei casi.  A prescindere dall’età, il sesso e la provenienza, la sua protezione parte già dopo dieci giorni della prima dose, ma la copertura vera è garantita a distanza di tre settimana dalla seconda dose.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Vaccino Covid
Vaccino Covid (Getty Images)

Sono emerse notizie di decessi determinati dal virus nel periodo antecedente questo lasso di tempo. Da metà gennaio in Norvegia alcuni esperti starebbero indagando sul decesso di 23 anziani a seguito del vaccino Pfizer.