Madre e figlia uccise a poca distanza l’una dall’altra: il tragico caso

Una giovane madre e la figlia 24ennne sono state uccise a coltellate nella serata di ieri davanti ai rispettivi luoghi di lavoro.

Scozia madre e figlia uccise coltellate
(z1b – AdobeStock)

Durante la serata di ieri, due donne sono state accoltellate ed uccise a Kilmarnock, in Scozia. Stando a quanto è stato ricostruito, le due vittime sarebbero una madre di 39 anni e la figlia di 24 uccise a distanza di pochi minuti l’una dall’altra nei pressi dei rispettivi luoghi di lavoro. Poco più tardi un uomo di 40 anni è stato ritrovato senza vita all’interno della sua auto schiantatasi in un viadotto vicino all’autostrada. La polizia ritiene che le tre morti possano essere collegata, ma al momento le indagini sono in corso.

Leggi anche —> Madre e figlia di 9 anni scomparse da mesi: macabro ritrovamento sotto un pavimento

Scozia, orrore nella serata di ieri: madre e figlia assassinate in strada, un uomo ritrovato morto in auto

Padre e figlio trovati morti omicidio-suicidio Scozia
Polizia Scozia (Getty Images)

Leggi anche —> Matrimonio si trasforma in tragedia: lite degenera in un bagno di sangue

Orrore a Kilmarnock, in Scozia, nella serata di ieri, giovedì 4 febbraio, dove due donne sono state uccise ed un uomo è stato ritrovato morto. Secondo quanto riportano i media locali e la redazione britannica del The Guardian, intorno alle 20, Emma Robertson Coupland, operatrice 39enne del Crosshouse Hospital, sarebbe stata accoltellata ed uccisa nel parcheggio davanti all’ospedale. Pochi minuti più tardi, anche la figlia della 39enne, Nicole Anderson, di 24 anni che stava per sposarsi, è stata assassinata con le stesse modalità all’esterno di un ristorante da asporto, dove lavorava.

Entrambe hanno ricevuto cure mediche da parte dei soccorsi, ma purtroppo nessuna delle due è riuscita a sopravvivere a causa delle ferite riportate nelle aggressioni. Emma è stata dichiarata morta sul posto, mentre la figlia è deceduta in ospedale, poco dopo il ricovero.

Poco dopo, la polizia, riporta il The Guardian, ha ritrovato il corpo senza vita di un uomo di 40 anni all’interno della propria auto che si era schiantata in un viadotto vicino all’autostrada A76. L’incidente costato la vita al 47enne, secondo gli investigatori che stanno indagando sul caso, sembra essere collegato ai due omicidi avvenuti solo alcuni minuti prima. Si ipotizza che l’uomo possa essere l’assassino che dopo i delitti si sarebbe tolto la vita schiantandosi volontariamente

La polizia, nonostante quanto accaduto abbia scosso la comunità della città scozzese, ha rassicurato i cittadini affermando che non si è trattato di un attentato terroristico e che non vi è, dunque, nessuna minaccia per la popolazione.

Inoltre, le autorità hanno invitato chiunque fosse in possesso di informazioni o avesse visto qualcosa di farsi avanti. Intanto, dopo che gli agenti avevano blindato l’area, questa mattina è stato riaperto l’ospedale teatro del primo omicidio.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Il primo ministro scozzese, Nicola Sturgeon, ha commentato l’accaduto attraverso un post sul proprio profilo Twitter: “Una notizia terribile. I miei pensieri vanno alle persone scomparse. Pensando anche a chiunque si trovi all’ospedale di Crosshouse, già alle prese con la pandemia. Ringrazio i nostri servizi di emergenza“.