Focolaio Covid, 48 bambini positivi: situazione allarmante

All’interno di un campo Rom di Roma, è esploso un focolaio Covid: 48 bambini positivi ed un uomo di 47 anni deceduto.

Roma campo rom focolaio Covid-19 bambini
(Getty Images)

Sale la tensione a Roma dove all’interno di un campo Rom di cinquecento persone pare sia esploso un focolaio Covid. All’esito dei controlli, infatti, sarebbero 48 i bambini risultati positivi ed un uomo sarebbe deceduto. Proprio a seguito del decesso di quest’ultimo l’Asl avrebbe attivato gli accertamenti scoprendo l’allarmante dato.

Leggi anche —> Coronavirus, Speranza: “Zona gialla non significa scampato pericolo” – VIDEO

Roma, focolaio Covid all’interno di un campo Rom: sale l’allerta

coronavirus
(Getty Images)

Leggi anche —> Primo sabato in “giallo”, la Capitale si risveglia ed il fatturato vola

All’interno del Villaggio della Speranza, campo Rom a Castel Romano sulla Pontina, le Asl della Capitale hanno effettuato controlli a tappeto in seguito ad una morte accertata al suo interno per Covid.

I sanitari hanno scoperto, all’esito dei tamponi effettuati sulla stragrande maggioranza degli abitanti, un vero e proprio focolaio. Ben 48 i bambini positivi oltre a tutti gli adulti di cui non si conosce il numero esatto. Una circostanza che sta alimentando non poche ansie, considerando che i piccoli frequentano le scuole elementari di quartieri molto popolati come l’EUR ad esempio.

Stando a quanto riporta la redazione di Leggo, tuttavia, nonostante il rilievo delle Autorità Sanitarie i Rom continuano ad uscire dal campo. Vi sarebbe una totale assenza di controllo e contenimento, nè tantomeno sarebbe stata effettuata un’analisi della cosiddetta rete di contatti. Numerosi abitanti del campo, inoltre, pare non siano neppure in possesso di documenti di riconoscimento pertanto arduo è il compito di conoscere quale sia il loro domicilio nè quali luoghi abbiano frequentato.

Attualmente, la situazione desterebbe non poche preoccupazioni nell’Amministrazione della Capitale la quale a breve dovrà valutare se porre in isolamento il Centro.

Ad oggi, il Villaggio della Speranza risulterebbe essere stato sequestrato dalle autorità in quanto pare che al suo interno numerosi sarebbero i reati ambientali accertati. Pare che addirittura le falde acquifere siano inquinate a causa dell’abbandono di auto, o comunque dei fluidi di immondizia che spesso viene bruciata a cielo aperto.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Coronavirus seconda ondata
(Getty Images)

La sezione specializzata in tale tipologia di reati della Procura della Repubblica di Roma, riporta Leggo, a luglio fece apporre i sigilli ad una porzione di Campo nominando quale custode l’attuale sindaco pentastellato Virginia Raggi.