Seconda fase vaccini, le sei categorie a cui saranno somministrati

È in procinto di essere avviata la seconda fase della campagna vaccinale: quali sono le categorie di soggetti a cui è destinata la somministrazione.

Vaccino Covid-19 seconda fase categoria
(Getty Images)

Ad avere priorità nella prima fase della campagna vaccinale sono stati gli operatori sanitari nonché agli ospiti ed al personale delle RSA. Adesso è il turno degli over 80 a cui seguiranno poi agenti delle Forze dell’Ordine e personale scolastico. Nel corso della seconda fase, invece, saranno individuate sei categorie di cittadini. Chi sono e quando gli verrà somministrato il vaccino.

Leggi anche —> Covid, vaccino AstraZeneca arriva in Italia: consegnate le prime 250 mila dosi

Covid-19: le sei categorie che riceveranno i vaccini nella fase 2

Vaccino anti Covid-19 risposta AstraZeneca
(Getty Images)

Leggi anche —> Vaccino anti-Covid, la proposta del Professor Ippolito destinata a far discutere

Nella seconda fase della campagna vaccinale le somministrazioni saranno estese ad ulteriori categorie che nello specifico saranno sei. La prima sarà quella dei soggetti definiti “estremamente vulnerabili” a prescindere dall’età. A seguire la fascia di cittadini compresi tra 75 e 79 anni, poi quelli tra i 70 ed i 74 anni. Poi sarà il turno anche dei soggetti con un rischio clinico di età compresa tra 16 ed i 69 anni. Cittadini con età tra i 55 ed i 69 anni. Infine persone d’età tra i 18 ed i 54 anni. A quest’ultima categoria verrà somministrato il vaccino AstraZeneca.

Avranno, dunque, priorità tutti coloro i quali presentano un quadro clinico compromesso, per i quali non rileverà in alcun modo l’età. Si terrà in considerazione solo la circostanza per cui la loro condizione, qualora dovessero contrarre il Covid, potrebbe aumentare il tasso di letalità. In particolare, riporta la redazione di Leggo, si tratta di soggetti con malattie a livello cardiaco, respiratorio, con problemi di disabilità, diabete, malati oncologici.

A seguire gli ultra settantenni. In questo caso l’età diventa un fattore determinante in quanto strettamente collegato ai dati statistici che vedono in questa fascia di popolazione un maggior tasso di letalità. Chiuderanno poi gli altri soggetti poc’anzi elencati.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

La nuova fase di vaccinazioni, abbraccerà quindi una importante parte di popolazione. Un passo avanti che potrebbe segnare un punto di svolta in questa pandemia.