Whitney Houston. Nove anni senza la più grande cantante di tutti i tempi

Whitney Houston. Sono trascorsi nove anni dal decesso della grande cantante americana. Il dolore per la sua perdita è ancora immenso

Whitney Houston anniversario morte
Whitney Houston – GettyImages

Nove anni dalla scomparsa della più grande interprete femminile di tutti i tempi, uno squarcio insanabile per il mondo della musica, una tragedia alla quale è tuttora difficile dare un senso.
Whitney Houston si è spenta l’11 Febbraio 2012. Ancora oggi rimane la cantante più premiata della storia, secondo il Guinness World Record.

Un successo strepitoso il suo che l’ha portata a vendere oltre 200 milioni di dischi a livello globale. Il talento incommensurabile era evidente fin da piccola, quando ha iniziato a cantare nel coro della chiesa che frequentava. E’ l’unica artista ad avere sette singoli consecutivi piazzati al numero uno nella classifica Billboard degli Stati Uniti.

Luce e magnificenza da un lato, quello pubblico che concerne la sua carriera; ombre e oscurità dall’altro, quello privato, segnato dall’uso di droghe, il tumultuoso matrimonio con il cantante Bobby Brown, le controversie legali con il padre.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Michele Bravi racconta la sua storia: “Com’è nata Mantieni il Bacio”

Whitney Houston. Il dolore per la sua perdita che non conosce sollievo

Accadde oggi
Whitney Houston – GettyImages

LEGGI ANCHE -> Laura Pausini candidata ai Golden Globes: “È un onore rappresentare l’Italia”

La Rock and Roll Hall of Fame ha accolto Whitney Houston solo nel 2020, ben otto anni dopo la sua scomparsa. La notizia della sua morte ha coinciso con i Grammy Awards 2012.

Ci ha lasciato l’ 11 Febbraio 2012. Il fiore della sua vita è stato strappato al Beverly Hilton Hotel, in California. Il rapporto del medico legale ha rivelato che è deceduta per annegamento accidentalmente nella vasca da bagno, con annesse malattie cardiache derivate dall’ uso di cocaina come fattore contribuente.

Era una semplice ragazza del New Jersey, classe 1963, che con la sua grazia e il suo talento ha donato al mondo pezzi celebri come I will always love you, All at once, I wanna dance with somebody, Saving All My Love for You, Greatest Love of All,  It’s Not Right but It’s Okay , ecc. Sfidiamo chiunque a dire di non averli mai cantate a squarcia gola in viaggio in auto, a casa davanti a uno specchio o con gli amici al Karaoke.

Non era di certo il suo primo amore, ma ha dato un contributo significativo anche al mondo del cinema. La ricordiamo nel film iconico Guardia del corpo (The Bodyguard), del 1992, a fianco di Kevin Costner. Grandiosa anche in Donne (Waiting to Exhale), di Forest Whitaker (1995) e nel delicato Uno sguardo dal cielo con Denzel Washington.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter

Il suo funerale è stato celebrato il 18 febbraio 2012 nella chiesa battista di Newark, in New Jersey, dove l’artista aveva iniziato a muovere i primi passi nel mondo della musica nel coro gospel. Molte le star che hanno partecipato e l’hanno ricordata tra cui Kevin Costner, Elton John, Alicia Keys, Stevie Wonder, Mary J. Blige, Mariah Carey,  Beyoncé, Oprah Winfrey e Dionne Warwick, cugina della stessa Houston. Tra i presenti anche l’ex marito, Bobby Brown, che lasciò in anticipo la cerimonia per il troppo dolore.

Paradossalmente, tre anni dopo la sua morte, scomparve nello stesso modo anche la figlia Bobbi Kristina.