Striscia la Notizia sotto accusa. La Rai pronta a fare causa

Striscia la Notizia. Il tg satirico di Antonio Ricci non è nuovo a scandali e problemi giudiziari. Stavolta è la Rai a protestare. Il motivo

striscia la notizia
Antonio Ricci – Foto Instagram da https://www.instagram.com/striscialanotizia/

Striscia la Notizia, il tg satirico ideato da Antonio Ricci, va in onda sulle reti Mediaset ormai dal 1988. In oltre 30 anni, il programma ha contribuito a smascherare truffe, a puntare il dito contro ingiustizie e sollevare polveroni mediatici, prendendo di mira sia personaggi noti e non, sia popolari trasmissioni, indipendentemente dall’emittente.

Ricordiamo, ad esempio il famoso caso Wanna Marchi, quello contro la trasmissione Affari tuoi (durante la conduzione di Paolo Bonolis e successivamente di Flavio Insinna), MasterChef, L’Isola dei famosi, il Festival di Sanremo… tutti passati sotto l’occhio vigile dei componenti della squadra di Striscia.

Oggi la tv di stato mette un freno, non ci sta e si prepara a fare causa a Mediaset proprio per un servizio andato in onda nel programma di Antonio Ricci.

LEGGI ANCHE –> Barbara D’Urso imitata su Rai Due, la reazione della conduttrice

Rai contro Mediaset. Le “colpe” di Striscia la Notizia

Canone Rai 2021 esenzione
Rai – GettyImages

LEGGI ANCHE –> Francesca Fialdini positiva al Covid. Da noi a ruota libera andrà in onda?

A quanto pare Striscia la Notizia nella sua rubrica Rai Scoglio 24, diretta da Alessio Giannone in arte Pinuccio, ha rivolto accuse di ingente gravità.

Sono stati sollevati dubbi riguardo la gestione delle sedi estere della televisione di Stato, in particolare in Cina, in Russia e a Bruxelles. Secondo il tg satirico targato Mediaset, sono stati sprecati milioni di euro per mantenerle, provenienti dalle tasche dei contribuenti.

Si parla anche di una Content Room a Saxa Rubra, costata 3 milioni di euro con attrezzatura cospicua come monitor, luci e schermi per le dirette tv che viene adoperata solo come ufficio.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Striscia la notizia
Striscia la notizia (foto da Instagram)

Per quanto concerne la sede di New York, si fa riferimento a “tre appartamenti per gli inviati”, facendo intendere che sia la Rai a pagare le relative spese. Gli stessi corrispondenti hanno chiesto alla tv pubblica d’intervenire in quanto le dichiarazioni di Striscia non corrisponderebbero a verità. “Se il silenzio dei vertici aziendali dovesse proseguire i corrispondenti valuteranno ulteriori passi anche legali per ottenere il rispetto dei propri diritti” – hanno dichiarato.

Per questa ragione la Rai è pronta a intraprendere un’azione legale contro Mediaset.