L’appello di Daniela: “Aiutatemi a trovare la mia madre biologica. Solo lei può salvarmi dal cancro”

Adottata 47 anni fa, Daniela Molinari, infermiera, lancia un appello disperato: “Aiutatemi a trovare la mia madre biologica. Solo lei può salvarmi dal cancro”

Cura medica - foto da Pexels
Cura medica – foto da Pexels

Una richiesta d’aiuto, da Milano a Como. Daniela Molinari, infermiera 47enne, da tre anni combatte contro il cancro, ma senza successo. La sua unica speranza di sopravvivenza è ritrovare la madre biologica. Non è mai riuscita a rintracciare i suoi genitori, ma ora ne ha assoluto bisogno per sottoporsi ad una terapia sperimentale e salvavita.

Daniela non conosce la sua famiglia d’origine: appena nata è stata affidata alle cure dell’orfanotrofio delle suore di Rebbio, quartiere a sud di Como. Ma la struttura dell’Istituto Maria Rimoldi – Orfanotrofio femminile dell’Immacolata, non è più in funzione dal 1989. E la donna che l’ha lasciata lì, non l’aveva riconosciuta. Daniela è stata adottata poco dopo la nascita da una coppia di Milano, città in cui ha sempre vissuto e dove lavora presso l’ospedale Fatebenefratelli.

LEGGI ANCHE -> Ragazza suicida per revenge porn: assolti gli amici che avevano diffuso i video

Daniela Molinari: “Solo la mia madre biologica può salvarmi dal cancro”

Ospedale - foto da Pexels
Ospedale – foto da Pexels

LEGGI ANCHE -> Terra dei Fuochi, la conferma ufficiale: i tumori sono legati ai rifiuti

Cerco la mia mamma naturale, solo lei può salvarmi dal tumore”, ha dichiarato Daniela al quotidiano La Provincia di Como. Il giornale locale è stato il primo che ha raccolto e diffuso il suo appello per aiutarla nelle ricerche. “So benissimo che sono pochissime le possibilità di rintracciare mia madre – ha detto ancora la donna – ma non voglio lasciare nulla di intentato. Della mia nascita non so quasi nulla“.

Daniela è un’infermiera psichiatrica, con due figlie di 23 e 9 anni. Purtroppo si è ammalata di un tumore che da tre anni sembra non recedere con le cure tradizionali. Dopo vari tentativi, l’équipe di medici che la segue le ha prospettato la possibilità di sottoporsi a una terapia sperimentale. Ma la cura salvavita si basa sullo studio della mappa genetica della madre o del padre biologici.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Ricerca medica - Pexels
Ricerca medica – Pexels

Ecco quindi il motivo dell’appello di Daniela e la sua urgenza: servirà una corsa contro il tempo per trovare i suoi genitori naturali.