Bonus 2021, tutte le agevolazioni con credito d’imposta

Attraverso la legge di Bilancio 2021 numerose saranno le agevolazioni con credito d’imposta di cui si potrà usufruire per l’anno in corso: il riepilogo dei bonus.

Credito d'imposta bonus 2021
(Steve Buissinne-Pixabay)

Con la legge di Bilancio 2021 numerosi sono i crediti d’imposta di cui si potrà usufruire per l’anno in corso. Rispetto agli anni precedenti, le introduzioni sono notevoli. Barcamenarsi tra tutte le agevolazioni, però, non è facile. Per questo motivo proponiamo una sintesi.

Leggi anche —> Bonus Cashback, il grande cambiamento: ora non è più possibile farlo

Credito d’imposta, tutti i bonus per il 2021: la sintesi

Bonus senza Isee
(Getty Images)

Leggi anche —> Bonus Irpef febbraio: di cosa si tratta e a chi spetta

Prima di procedere all’analisi di tutte le agevolazioni è bene precisare cosa sia il credito d’imposta. Quest’ultimo altro non è che un credito vantato da un soggetto nei confronti dello Stato. Di norma, si vanta tale credito in tre ipotesi: quando il contribuente ha versato una somma eccedente rispetto al reale debito fiscale; quando è previsto proprio da specifici meccanismi (come ad esempio nel caso di rivalsa e di detrazione dell’IVA); quando sia specificatamente previsto nel caso di determinate agevolazioni che vengono appunto riconosciute sotto forma di credito d’imposta.

Chiarito questo aspetto fondamentale, ben si comprende come nel caso dei differenti bonus si versi in questa ultima ipotesi. Ma quali sono gli attualmente in vigore.

Piano di transizione 4.0

Il Piano Transizione 4.0, è un credito d’imposta previsto per l’acquisto di beni materiali ed immateriali, nonché per investire in formazione e sviluppo tecnologico. È rivolto alle Piccole e Medie Imprese e tende a rafforzare il loro comparto economico.

Bonus riqualificazione e bonus locazione

Il Bonus riqualificazione e quello locazione si inserisce alle interno delle agevolazioni previste per il settore del turismo.

Quanto al primo, già esistente ma con la legge di Bilancio 2021 esteso al biennio in corso, è rivolto agli alberghi e similari, ai centri termali, alle strutture ricettive all’aperto ed agli operanti nell’agrituristico.

Il bonus è pari al 65% delle spese sostenute nei due periodi fiscali 2020/2021. Seguiranno ulteriori precisazioni, ma ad oggi pare siano stati destinati 380 milioni di euro.

Il bonus locazione è rivolto alle imprese turistico-ricettive, nonché alle agenzie di viaggio ed ai tour operator i quali fino al 30 aprile 2021 potranno usufruire del credito d’imposta per gli affitti degli immobili in loro uso, non a scopo abitativo. Un requisito, però sarà stringente: la dimostrazione del calo del fatturato rispetto ai periodi precedenti. In particolare si parla di una riduzione di almeno la metà rispetto ai mesi gennaio, febbraio, marzo ed aprile del 2019.

Questo requisito, ovviamente, non varrà per tutte le attività operanti dal 1° gennaio 2019, nonché per quegli imprenditori la cui sede si trova in zone colpite da calamità naturali e che hanno dichiarato lo stato d’emergenza. Il credito che potrà essere vantato sarà pari al 60% dei canoni locativi corrisposti.

Bonus patrimonializzazione

Il bonus patrimonializzazione è rivolto alle spa, alle società in accomandita per azioni, alle srl ed alle società cooperative, a condizione che abbiamo sede in Italia e posseggano i seguenti parametri:

– ricavi nel periodo 2019 superiore a 5 milioni di euro e fino a 50 milioni di euro;

– calo del fatturato nei mesi di marzo e aprile 2020 non inferiore al 33%

Lo scopo di tale agevolazione è quello di fortificare il capitale di tutte quelle società che abbiano patito pregiudizio economico a causa della pandemia.

Bonus pubblicità

Il bonus pubblicità è stato inserito per supportare investimenti eseguiti per la sponsorizzazione della propria attività. Esso consisterà in un credito d’imposta nella misura del 50% delle spese sostenute. A rientrare nella misura le pubblicizzazioni su giornali, periodici sia on-line che cartacei, e su emittenti radiofoniche e televisive.

Bonus investimenti Mezzogiorno

Come suggerisce il nome si tratta di un’agevolazione disposta per l’acquisto di beni appartenenti ad attività site in regioni del Sud Italia. Si parla di macchinari ed attrezzature varie acquistate in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

Bonus quotazione PMI

Le piccole e medie imprese che decideranno di quotarsi in borsa potranno usufruire di uno specifico credito, nella misura del 50% delle spese sostenute per adeguare la propria struttura.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

bonus 2021
(Steve Bussinne_pixabay)

Per ottenere il riconoscimento del credito, le piccole e medie imprese dovranno inoltrare telematicamente un’apposita istanza scaricabile sul sito del Ministero dell’Economia.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE.

M.S.