Mandorle, diatriba aperta su benefici e controindicazioni. Fanno davvero male?

Sono una tipologia di frutta secca tra le consumate in Italia ma non è ancora chiaro se il consumo delle Mandorle faccia ingrassare o no

Mandorle, benefici apportati all’organismo
Mandorle benefici (foto Instagram)

La frutta secca è consigliata da sempre a chi pratica sport per l’apporto di macronutrienti indispensabile per l’organismo sotto sforzo, fosforo, magnesio e potassio in primis. Ma rispetto alle noci e agli altri prodotti, tra le persone aleggia ancora una diatriba aperta sul consumo delle mandorle che vengono spesso snobbate per l’alto apporto calorico che forniscono all’organismo che invece va calibrato per non incorrere ad aumento di peso notevole.

La mandorla è il seme commestibile del mandorlo che appartiene alla famiglia Rosacee ed è ricca di vitamine e minerali che aiutano la salute di cuore, arterie e ossa. Le mandorle contengono vitamina E (circa 24 mg ogni 100g), A, quelle del gruppo B (B1, B2, B3, B5 e B6), beta carotene e luteina, ma anche magnesio (circa 270 mg per 100g), calcio, ferro, potassio, rame, zinco, fosforo e manganese.

Le mandorle fanno benissimo al nostro corpo, ma quante bisogna assumerne secondo i nutrizionisti? Sono diverse le ricerche che confermano i molteplici benefici delle mandorle come il recente studio pubblicato dal Journal of Clinical Nutrition, che spiega che se mangiate con regolarità, possono davvero rappresentare un alleato prezioso per la nostra salute.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare la curcuma in cucina, tutte le proprietà di una spezia miracolosa

Mandorle, benefici apportati all’organismo. La dose giornaliera consigliata

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare il coriandolo in cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

In particolare mangiare come spuntino 10 mandorle al giorno (30 grammi) in una dieta equilibrata e in una vita normalmente attiva non dà nessuna controindicazione sull’aumento del peso nonostante 100 grammi di questo seme apporti circa 600 kcal totali. Anzi, vediamo ora insieme quali benefici possiamo trarne:

  • Protegge le cellule dallo stress ossidativo dei radicali liberi perché sono ricche di antiossidanti. Il maggiore beneficio lo si ha nella buccia marroncina all’esterno del seme, quindi sempre meglio non abbrustolirle o togliere la parte esterna che le avvolge;
  • Aiutano a mantenere bassa la glicemia nei soggetti a rischio diabete di tipo 1 e 2;
  • Abbassano la pressione sanguigna grazie alla presenza di magnesio e fosforo;
  • L’assunzione costante di mandorle riduce il colesterolo cattivo nel sangue;
  • Sono un alleato prezioso per cuore, pelle e capelli grazie alla presenza elevata di vitamina E e Omega 3 che giova sull’elasticità della pelle ma anche previene molte malattie cardiache, cancro e Alzheimer;
  • Riducono il senso di fame (nervosa soprattutto) per la presenza di fibre (3,5 grammi in 30 grammi di prodotto) e proteine (6 grammi) in alto dosaggio. Utili anche a chi soffre si stipsi e gonfiore addominale.
  • Aiutano a perdere peso. Questo perché contengono molti nutrienti che il nostro corpo fatica a scomporre e digerire da solo, infatti solo il 10-15% delle loro calorie viene assorbito completamente.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Attenzione alle controindicazioni delle mandorle

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Le Tortine (@letortine)

Uniche tre controindicazioni che possiamo segnalare: contengono infatti acido fitico, una sostanza che si lega ad alcuni minerali impedendone l’assorbimento, per cui il ferro, zinco e calcio che assorbiremo delle mandorle è davvero poco rispetto al loro reale potenziale.

Va evitato il consumo di mandorle in caso di herpes, perché contengono l’arginina che stimola l’attività del virus dell’herpes, e da parte di chi soffre di gastrite perché aumentano la secrezione acida durante la fase digestiva.