Uomo uccide la compagna e la figlia 13enne, poi si sbarazza dei corpi in modo atroce

Un uomo ha ucciso a colpi di bastone la compagna e la figlia di quest’ultima dopodiché ha deciso di sbarazzarsi dei corpi in un modo atroce.

India uccide compagna figlia corpi fogne
Polizia indiana (Getty Images)

Duplice omicidio e occultamento di cadavere, queste sono le accuse di cui un uomo dovrà rispondere. Le vittime sono la sua compagna convivente di 41 anni e la figlia 13enne di quest’ultima.

L’uomo, 37 anni, avrebbe portato le due in un bosco, le avrebbe percosse a morte con un bastone ed avrebbe poi deciso di sbarazzarsi dei corpi in un modo macabro. La polizia per recuperare i resti avrebbe dovuto chiedere aiuto al Comune.

Leggi anche —> Ragazzo stermina la propria famiglia in casa: assolto, la motivazione del giudice

India, uomo uccide compagna e la figlia: corpi gettati nelle fogne

polizia india
Polizia dell’India (Getty Images)

Leggi anche —> Aggressione in pieno giorno: ragazzo di 16 anni accoltellato in un parco

Un’agghiacciante notizia giunge dall’India, precisamente da Gujarat. Un uomo di 37 anni ha ucciso la compagna 41enne e la figlioletta di 13 anni di quest’ultima dopodiché ne avrebbe gettato i corpi nelle fogne della distretto di Kutch.

Stando a quanto riferito dalla redazione di Outlook India, la polizia avrebbe ricostruito i contorni dell’accaduto. L’accusato di duplice omicidio ed occultamento di cadavere si chiama Sanjay Singh ed è stato arrestato nella giornata di domenica scorsa. L’uomo, un idraulico, avrebbe portato le vittime in una foresta con la sua moto. Giunti sul luogo del delitto, il 37enne avrebbe raccolto un bastone da terra e percosso a morte le due.

SS Desai, ispettore della stazione di polizia della divisione “B” di Gandhidham, ha riferito che l’uomo avrebbe poi caricato i corpi sul proprio mezzo e li avrebbe trasportati nei pressi della fogna comunale dove li ha scaricati.

Il corpo della piccola è stato recuperato domenica, mentre quello di sua madre solo il giorno successivo. Il capo della polizia, riporta Outlook, ha riferito di aver dovuto chiedere aiuto al Comune per recuperare i resti della donna dalla rete fognaria.

Secondo le prime indagini, pare che Singh avesse incontrato per la prima volta la sua compagna dieci anni fa. I due erano vicini di casa ed all’epoca la donna era sposata. Successivamente avrebbe deciso di lasciare il marito proprio per quello che si sarebbe rivelato il suo carnefice. La vittima avrebbe portato via con se anche le due figlie di cui una è l’altra vittima dell’efferato omicidio.

Sanjay Singh e la compagna non erano sposati, erano conviventi. Quanto al loro rapporto, l’altra figlia maggiore scampata al massacro, riferisce che di recente la madre aveva scoperto una relazione extraconiugale dell’uomo. Ha altresì aggiunto che nell’ultimo periodo i due litigavano costantemente.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Polizia indiana
Polizia indiana (Getty Images)

L’uomo per portare le due vittime nella foresta avrebbe utilizzato una scusa dicendo loro che voleva essere accompagnato ad un appuntamento di lavoro.