Lutto nel mondo della medicina, era da 40 giorni in terapia intensiva

La struttura sanitaria di Padova piange il professor Beppe Basso morto stamane dopo aver contratto il Covid, era in terapia da gennaio

Questo virus letale che sta massacrando gli animi oltre che il corpo, non fa differenza alcuna tra bambini e adulti, civili o medici. La struttura ospedaliera di Padova oggi infatti ha perso un grande collega che si trovava ormai da 40 giorni intubato nella terapia intensiva dell’ospedale patavino per insufficienza respiratoria.

Il professor Giuseppe Basso aveva 73 anni ed è stato per molti anni direttore della Clinica di Oncoematologia pediatrica e presidente dell’Istituto di ricerca pediatrica “Città della Speranza” della città. Un volto amico e rassicurante che ha superato diverse difficoltà e problemi, quest’ultimo però troppo forte per consentirgli una ripresa.

LEGGI ANCHE -> Arrestato ex calciatore di Juventus e Parma: coltivava marijuana in un casolare

Le ultime terribili ore in terapia intensiva. Il ricordo del rettore Rizzuto

Lutto nel mondo della medicina, morto Giuseppe Basso
Prof Giuseppe Basso (screen Facebook)

LEGGI ANCHE —> Paolo Rossi, rubati alcuni storici cimeli dalla sede del Vicenza Calcio

Basso ha manifestato i primi sintomi di insufficienza respiratoria e febbre a inizio gennaio, il Covid lo ha debilitato troppo e lui non è più riuscito a riprendersi. Invano gli sono state somministrate tutte le cure possibili ma negli ultimi giorni le sue condizioni di salute si sono solo ulteriormente aggravate, stamane la morte comunicata direttamente dall’ospedale.

Un ricordo toccante arriva direttamente dall’amico Rosario Rizzuto, rettore dell’Università di Padova, che ha voluto ricordarlo alla stampa: “Il Covid-19 ha portato via oggi Beppe Basso, per molti anni pediatra oncologo del nostro Ateneo. Scienziato di valore e medico appassionato, il professor Basso con competenza e determinazione ha applicato i progressi della scienza alla cura dei giovanissimi pazienti, che nei momenti difficili della malattia in lui hanno trovato le terapie più efficaci ed un sorriso amico”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Intelligente, critico, ironico, mai banale, di lui ricordo tante discussioni accese, animate dalla comune passione per la scienza e da una profonda stima reciproca. Mancherà a tutti noi”. Nelle prossime ore sarà comunicato il giorno del funerale che però sarà celebrato in forma ridotta solo per i parenti stretti.

 

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL 15 FEBBRAIO 2021 GUARDA IL TG DI YESLIFE.