Bufera in casa Rai, Stefano Coletta furioso. Friedman bandito per sempre

Stefano Coletta è intervenuto in Commissione di Vigilanza, affrontando temi quali il caso Friedman e il bilancio del suo primo anno a Rai 1

Ieri il direttore di Rai 1 Stefano Coletta, è intervenuto in Commissione di Vigilanza, affrontando molteplici argomenti e facendo un bilancio del suo primo anno come direttore della rete. Ha parlato anche del caso Alan Friedman a Uno Mattina, del Festival di Sanremo fino agli ascolti tiepidi ottenuti nei mesi di pandemia.

L’ex direttore di Rai 3 è stato balzato alla guida della rete proprio nel pieno della crisi sanitaria quando si era impossibilitati a girare nuove fiction e documentari innovativi per i telespettatori, il tutto con un taglio corposo del budget di 20 milioni.

Non era l’anno in cui bisognava mettere al primo posto gli ascolti, eppure nella precarietà più totale, abbiamo intercettato il mood che il Paese si aspettava”. Sembra però essere cresciuto anche lo share in quest’ultimo periodo, poiché gli italiani hanno preferito la Rai che la rete concorrente per trascorrere le loro giornate in casa.

LEGGI ANCHE —> Eleonora Daniele ricorda sui social una persona speciale: “Senza di te un grande vuoto”

Coletta su Friedman, “Orrenda la sua locuzione, non lo ospiteremo più”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sanremo 2021 (@festival.sanremo2021)

LEGGI ANCHE —> Federica Pellegrini e quel sorriso disarmante che racconta solo amore – FOTO

Poi il punto sull’imminente Festival di Sanremo per cui Coletta protende verso un’internalizzazione della direzione artistica: “Penso che la Rai possa tornare all’internalizzazione della direzione artistica perché la Rai ha un quadro economico diverso e penso che solo così si possa superare una complessità che non è solo artistica ma anche manageriale”.

Infine il direttore si è focalizzato sul caso Alan Friedman, che come ricordiamo definì la moglie di Donald Trump, Melania, un’escort. Coletta ha dichiarato che il giornalista e scrittore americano non sarà più ospite gradito in Rai 1, per lui divieto di qualsiasi tipo di intervento in quanto persona non gradita:

Chiunque abbia lavorato con me sa quanto io abbia lavorato come autore sulla figura femminile e sul tema della violenza alle donne (…) che non mi possono non aver portato immediatamente a stigmatizzare con grandissima determinazione davvero l’orrenda locuzione linguistica utilizzata da Alan Friedman”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alan Friedman (@alanfriedman3)

Ha anche spiegato che, riguardo Uno Mattina, ha intenzione di abbandonare la “conduzione binaria poco contemporanea, per protendere invece verso “due prodotti contigui ma diversi”.

 

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE