Nuova misteriosa apparizione: la folla distrugge il monolite

L’oggetto di metallo è apparso all’improvviso la scorsa domenica 14 febbraio in una rotonda a Kinshasa, in Congo.

Un nuovo monolite è apparso misteriosamente la scorsa domenica 14 febbraio in una rotonda a Kinshasa, capitale e maggiore città della Repubblica Democratica del Congo. Lo strano pilastro spaziale di metallo si aggiunge alla lunga lista di apparizioni simili, nonché recentissime, avvenute in Europa e negli Stati Uniti. Difatti, non è la prima volta che si sente parlare dell’improvvisa presenza di questi oggetti probabilmente ispirati al romanzo fantascientifico di Arthur C. Clarke e al relativo film di Starley Kubrick, “2001: Odissea nello spazio”. Tuttavia, sebbene la storia dei pilastri gemelli, magicamente apparsi e scomparsi, sia totalmente avvolta nel mistero; il destino dell’ultimo monolite non è stato affatto roseo.

LEGGI ANCHE >>>Il Messico invia 16 resti umani in Austria: al via le analisi

Fiamme e distruzione per l’ultimo monolite

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Fuoco aperto sui manifestanti anti-golpe: due morti

Dopo mesi di assenza, la presunta “goliardata” internazionale dei monoliti è tornata, colpendo questa volta l’Africa, dove la nuova apparizione ha suscitato una pesante reazione da parte degli abitanti locali. Adirata per l’insolita presenza dell’oggetto nella città, la popolazione ha deciso di dar fuoco alla struttura di 3,7 metri di altezza. “Ci siamo svegliati e abbiamo visto questo triangolo metallico. Siamo rimasti sorpresi perché è un triangolo che vediamo spesso nei documentari sui Massoni o sugli Illuminati ”, ha riferito all’agenzia Reuters un residente del comune di Matete, alla periferia di Kinshasa.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Apparso per la prima volta nel deserto dello Utah, il mistero dei monoliti gemelli continua. Le loro origini e improvvise sparizioni nelle aree più disparate del globo restano ancora sconosciute.

Fonte Reuters