Covid, un anno fa il primo caso in Italia: i 12 mesi che hanno cambiato il mondo

Un anno fa, il 20 febbraio 2020, in Italia il primo caso accertato di Covid-19 a Codogno. Il giorno successivo la prima vittima a Vo. In 12 mesi, 3 milioni di contagi e più di 95mila morti. E da oggi si celebra la Festa dei camici bianchi

Codogno - Getty Images
Codogno – Getty Images

Era il 20 febbraio 2020 quando in Italia si registrava il primo contagio ufficiale da Covid. A Codogno, in provincia di Lodi, una dottoressa scopre il virus in quello che è stato definito il Paziente 1, il 38enne Mattia Maestri. Il giorno successivo la prima vittima è Adriano Trevisan, un 77enne di Vo Euganeo, in provincia di Padova. Da quel momento sono passati dodici interminabili mesi e il mondo non è più lo stesso.

Nonostante il blocco dei voli dalla Cina, il coronavirus in Italia arriva dal cuore dell’Europa e in pochi giorni avrebbe reso la Lombardia e poi il Veneto un focolaio inarrestabile. Tardive le zone rosse, presto in tutta Italia lo spettro della malattia si fa realtà. Negli ultimi dodici mesi si sono susseguiti Dpcm, restrizioni e lockdown, con pochi sprazzi di normalità fra la prima e la seconda ondata. E, nonostante l’arrivo dei vaccini, ancora non si vede la fine di un incubo che ha assunto proporzioni globali.

LEGGI ANCHE -> In arrivo un nuovo vaccino: per chi è come si prenota

Covid, un anno dopo in Italia la Festa dei camici bianchi

Fila di camion dell'Esercito che portano via le bare dall'ospedale di Bergamo - Getty Images
Fila di camion dell’Esercito che portano via le bare dall’ospedale di Bergamo – Getty Images

LEGGI ANCHE -> Liliana Segre insultata sui social. Uno degli hater si scusa su Facebook

Il bilancio del Covid è pesantissimo per il nostro paese: oggi arriva a quasi 3 milioni di casi accertati e oltre 95mila vittime. Fra le immagini più scioccanti, la lunga fila dei camion dell’Esercito che portava via le bare dall’ospedale di Bergamo, e quelle di medici e infermieri che si accasciano a terra, distrutti dai turni interminabili.

In Italia il virus ha portato alla luce le fragilità di un sistema sanitario con pochi fondi e ancora meno personale specializzato, che ha dovuto combattere in prima linea contro un nemico subdolo e invisibile. Proprio in omaggio alla resistenza e al coraggio del personale sanitario, la data di oggi è stata scelta per la Giornata nazionale dei camici bianchi. Dall’inizio della pandemia sono 313 medici e odontoiatri che hanno pagato con la vita il Giuramento d’Ippocrate, e oltre 110mila si sono contagiati in corsia.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Medico in tenuta anti-Covid - Getty Images
Medico in tenuta anti-Covid – Getty Images

Tante le celebrazioni e le commemorazioni in tutta Italia. E sul web viene lanciato l’hashtag #pernondimenticaremai, dedicato agli sforzi di tutto il personale sanitario.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE