Delitto di Novi Ligure, 20 anni dopo: il papà è sempre stato vicino ad Erika

Erika De Nardo e Mauro Favaro, detto Omar, furono i responsabili del delitto di Novi Ligure, verificatosi 20 anni fa: i due assassini, dopo aver scontato la pena, hanno voltato pagina

adolescente condannato dopo uccisione
Carcere (Getty Images)

Era il 21 febbraio del 2001 quando Novi Ligure, il comune piemontese in provincia di Alessandria, veniva scosso da un tragico delitto. Erika De Nardo e Mauro Favaro, soprannominato Omar, avevano rispettivamente 16 e 17 anni, ed erano fidanzati. I due si resero responsabili di un atto atroce: l’assassinio di Gianluca De Nardo, fratello 12enne di Erika, e della mamma di lei, Susy. A distanza di anni, entrambi hanno scontato le loro pene, rifacendosi una vita l’uno lontano dall’altra. Francesco De Nardo, padre della donna, non ha mai smesso di starle accanto, nonostante l’efferato gesto nei confronti degli altri membri della famiglia.

LEGGI ANCHE —> Coppia uccisa a Bolzano, autopsia su Laura Perselli rivela inquietante ipotesi

Delitto di Novi Ligure, come si svolsero le indagini

Delitto Novi Ligure 20 gennaio
Omar e Erika De Nardo (screenshot dal web)

LEGGI ANCHE —> Donna ritrovata morta in casa: il compagno avrebbe confessato il delitto – VIDEO

All’epoca, Erika e Omar avevano tentato di depistare le indagini, denunciando una rapina che avrebbe causato la morte della madre e del fratello di lei. I carabinieri, tuttavia, non tardarono a scoprire la verità dietro al delitto di Novi Ligure: i fidanzati avevano inferto alle vittime ben 97 coltellate. La 16enne e il 17enne furono condannati, rispettivamente, a 16 e 14 anni di reclusione. Ad oggi, scontata la pena, entrambi si sono rifatti una vita.

Omar, uscito di prigione nel 2010, vive in Toscana, mentre la De Nardo si è laureata nel corso della propria permanenza in carcere. Attualmente, è sposata e si è creata una propria famiglia, pur potendo contare sempre sull’appoggio del papà Francesco: quest’ultimo, che avrebbe dovuto essere la terza vittima della strage, non l’ha mai abbandonata.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Accusato del reato di atti osceni in luogo pubblico, multa salata per un 36enne veneto
Carabinieri (Foto di djedj da Pixabay)

A distanza di vent’anni, la cittadina di Novi Ligure non riesce ancora a dimenticare l’immane tragedia. Il delitto, compiuto con estrema freddezza e crudeltà, appare tutt’oggi privo di un movente.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL 20 FEBBRAIO 2021 GUARDA IL TG DI YESLIFE