Fucila il gatto della vicina con la carabina: “ero arrabbiato”

L’uomo, 41 anni, è stato condannato lo scorso venerdì 12 febbraio per aver ucciso il felino a fucilate.

Lo scorso venerdì 12 febbraio, un uomo di 41 anni è stato condannato dal tribunale di Mâcon, comune francese nella Saona e Loira. L’imputato è stato giudicato colpevole dell’uccisione di un gatto a colpi di fucile. Il gatto apparteneva alla vicina di casa, la quale ha deciso di sporgere denuncia. La tragedia si è consumata lo scorso 20 settembre 2020 a Fleurville (Saône-et-Loire). Secondo quanto riferisce Le Journal de Saône-et-Loire, durante il processo è emerso che la proprietaria del micio lo ritrovato in fin di vita dietro un cespuglio.

LEGGI ANCHE >>> Nuove proteste anti-golpe. I militari ai manifestanti: “rischiate di morire”

La denuncia della vicina

Lo scorso 21 settembre 2020, la signora di Fleurville allarmò gli agenti di Tournus sugli atti di estrema crudeltà nei confronti del suo gatto. Stando a quanto riportano i media locali, il giorno del massacro la donna aveva seguito delle tracce di sangue lungo il cortile. In seguito l’agghiacciante scoperta: totalmente ricoperto di foglie, il suo gatto stava morendo nascosto dietro una siepe.

Il felino era stato ferito da un colpo di fucile. Le cure del veterinario sono state vane: il piccolo animale domestico è morto il giorno seguente. Nel mirino dei sospetti della donna c’era il vicino di casa: l’uomo possedeva una carabina e aveva già in precedenza minacciato l’animale. La mattina del 12 febbraio, l’accusato ha ammesso il reato davanti al tribunale di Mâcon, giustificando l’orribile gesto perché “arrabbiato in quel momento”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Congo, assalto a convoglio Onu: ucciso ambasciatore italiano

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

gatto casa odori pericolo
Gatto ( Pixabay – susannp4)

L’uomo è stato condannato a una multa di 50 giorni di 10 euro. Dovrà pagare 600 euro alla SPA (Société Protectrice Animaux), Società Protezione Animali, e un totale di 1.798 euro alla proprietaria del gatto.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE

Fonte Le Le Journal de Saône-et-Loire