Vittima presa a bottigliate: una ragazza ha cercato di salvarla

Cosa è successo sul Molo Audace il 21 febbraio intorno alle 19? Una vittima è stata presa a bottigliate e poi gettata in mare, i dettagli

Giovane pestato a Mestre da un gruppo di coetanei coi bastoni
Polizia (Getty Images)

Il 21 febbraio intorno alle 19 sul Molo Audace in centro a Trieste, un giovane di ventisette anni è stato preso a bottigliate e poi gettato in mare. Gli aggressori sarebbero un gruppo di ragazzi, precisamente quattro, che avrebbero aggredito improvvisamente la vittima mentre stava parlando con due amici. Ad annunciarlo è il quotidiano Il Piccolo. Scopriamo insieme i dettagli dell’accaduto.

LEGGI ANCHE>>>Omicidio di Ilenia Fabbri, le immagini del killer nei video di sorveglianza

Vittima presa a bottigliate: cosa è successo?

schianto SP18 morto moglie marito
Polizia Stradale (Getty Images)

LEGGI ANCHE>>>Omicidio-suicidio a Treviso, il padre uccide il figlio due anni e si toglie la vita – VIDEO

La vittima è un giovane pachistano che all’improvviso è stato preso a bottigliate da un gruppo di ragazzi e poi spinto in mare. Secondo una prima ricostruzione i quattro colpevoli sarebbero fuggiti prima dell’arrivo della polizia e dei carabinieri. Inoltre gli stessi avrebbero anche rubato due telefoni cellulari. Una ragazza invece dopo aver visto l’accaduto si è buttata immediatamente in mare per salvare la vittima che è stata poi portata all’ospedale di Cattinara. Attualmente le sue condizioni non sembrano essere gravi.

Stessa ora posto diverso

Sempre lo stesso giornale riporto una rissa avvenuta alla stessa ora dell’accaduto in pieno centro della movida di Trieste. A quanto pare una ventina di giovani sono coinvolti in una lite ma l’arrivo dei carabinieri che erano già nelle vicinanze ha calmato le acque e non ci sono stati feriti o grandi ripercussioni.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Accusato del reato di atti osceni in luogo pubblico, multa salata per un 36enne veneto
Carabinieri (djedj_Pixabay)

Saranno la polizia e i carabinieri a continuare l’indagine per entrambi i casi e soprattutto per capire il movente dei quattro ragazzi che hanno spinto in acque la vittima.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE