Giallo della diga Garcia si infittisce: i risultati del Ris

A dicembre presso la diga Garcia a Contessa Entellina (Palermo) vennero rinvenuti dei resti umani: non si tratta di Stefano e Antonio Maiorana scomparsi nel 2007.

Palermo diga Garcia Maiorana
(Katerina Gicheva – Pixabay)

Giallo nel giallo, quello della diga Garcia di Contessa Entellina (Palermo). Lo scorso dicembre a causa dell’abbassamento del livello dell’acqua emersero dei resti umani. Due corpi rinvenuti insieme ad una corda ed un blocco di cemento. Gli inquirenti pensarono si trattasse di Stefano ed Antonio Maiorana, padre e figlio imprenditori scomparsi il 3 agosto del 2007.

Tuttavia gli investigatori precisarono che prima di giungere a qualsiasi conclusione, era necessario dapprima svolgere delle indagini che potessero confermare l’identità delle salme. Oggi, finalmente sono giunti gli esiti.

Leggi anche —> Padre e figlio scomparsi da diversi anni: ritrovati due cadaveri in una diga

Palermo, corpi nella diga Garcia: non sono di Stefano e Antonio Maiorana

Modena bambina chiama carabinieri padre arrestato
Carabinieri (Equatore – Adobe Stock)

Leggi anche —> Morta nota voce del motorsport italiano: il cordoglio dei colleghi giornalisti

All’esito di attente indagini, il Ris dei Carabinieri hanno scoperto che i due corpi rinvenuti nella diga Garcia di Palermo a dicembre non appartenevano a Stefano e Antonio Maiorana. I resti, quindi, riporta la redazione di New Sicilia, non sono dei due imprenditori padre e figlio scomparsi il 3 agosto del 2007. Una circostanza che adesso apre un giallo nel giallo.

I corpi emersi dalla diga, a seguito di un abbassamento del livello dell’acqua vennero rinvenuti accanto ad una corda ed un blocco di cemento. Una modalità messa in atto, spesso, dalla criminalità per occultare cadaveri.

Dagli esami del Ris sarebbe emerso che quei resti sarebbero stati lanciati nella diga all’inzio degli anni 2000 quindi molto prima della scomparsa dei Maiorana. Inoltre, ancora pare non vi siano conferme circa il fatto che si tratti di ossa umane. È scattato così un altro filone di indagine attivato dai carabinieri di Corleone, piccolo centro in provincia di Palermo e diretto dalla procura del tribunale di Termini Imerese. Una volta accertata la natura dei resti, qualora venisse accertato appartenere alla specie umana, bisogna identificare le vittime.

In data odierna è, invece, stata fissata l’udienza per la richiesta di archiviazione del caso Maiorana, riporta New Sicilia, avanzata dalla procura per il caso relativo alla scomparsa dei Maiorana. I familiari dei due hanno proposto opposizione avverso la richiesta chiedendo che proseguano le indagini.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Foggia ragazzo scomparso morto esame Dna
Carabinieri (Oleg Kozlov – Adobe Stock)

Il caso Maiorana, quindi, continua ad infittirsi e questo ritrovamento nella diga apre lo scenario ad un altro possibile crimine.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE.