Rassegna stampa del 25 febbraio: le notizie più importanti del giorno

Rassegna stampa della giornata di giovedì 25 febbraio 2021: le notizie più importanti ed i servizi giornalistici.

Agguato in Congo, celebrati i funerali dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci

Chi era Luca Attanasio
Luca Attanasio (Facebook- Gaspare Giacalone, Sindaco Petrosino)

Nella mattinata di ieri, presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma, sono stati celebrati i funerali di Stato dell’ambasciatore Luca Attanasio ed il carabiniere Vittorio Iacovacci, assassinati lunedì scorso in Congo. Nel corso dell’omelia, il cardinale Angelo De Donatis ha affermato: “Oggi è doveroso piangere, Luca e Vittorio che avevano deciso di donarsi agli altri, a costo della loro stessa vita“. Alle esequie ha preso parte anche il premier Mario Draghi che martedì aveva accolto le bare al loro rientro in Italia all’aeroporto di Ciampino.

All’uscita dalla chiesa i due feretri, portati a spalla dai carabinieri, sono state salutate con un lungo applauso da parte dei cittadini che hanno voluto rendere omaggio alle due vittime.

Grave lutto per il portiere del Liverpool Alisson: il padre morto annegato in una diga

José Agostinho Becker, padre del portiere del Liverpool Alisson Becker è stato ritrovato morto nella serata di mercoledì. Del 57enne si erano perse le tracce da alcune ore, quando i familiari preoccupati hanno contattato le forze dell’ordine. Scattate le ricerche, i sommozzatori hanno ritrovato il corpo senza vita dell’uomo in una diga all’interno di una proprietà di famiglia a Rincão do Inferno, in Brasile. Non sono ancora chiare le cause del decesso, ma stando ai primi riscontri, pare che il padre dell’ex portiere della Roma possa essere annegato mentre faceva un bagno nello specchio d’acqua.

Diffusasi la notizia, sono stati numerosi i messaggi di cordoglio per la famiglia di José Agostinho Becker. Tra i primi quello della Fluminense, società calcistica brasiliana dove gioca il fratello di Alisson, Muriel Gustavo Becker, anch’egli portiere.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Grave lutto per l’ex giocatore di Serie A: ritrovato morto il padre – VIDEO

Covid, allarme per 8 regioni, le vaccinazioni quotidiane salgono a 100mila

La fondazione Gimbe ha reso noto che le regioni con una saturazione delle terapie intensive oltre la soglia critica del 30% sarebbero salite da 6 ad 8. Una situazione che desta timore e confermata anche dal commissario straordinario per il contenimento dei contagi, Domenico Arcuri. Lo stesso commissario ha poi rassicurato in merito al piano vaccinale che starebbe procedendo in maniera spedita e dallo scorso lunedì le dosi giornaliere somministrate sarebbero circa 100mila. Nonostante le dosi giornaliere, però, sembra ancora prematuro tirare un sospiro di sollievo considerato che i casi sono in salita, come si evince dal bollettino pubblicato ieri dal Ministero della Salute.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, allarme per 8 regioni, le vaccinazioni quotidiane salgono a 100mila – VIDEO

 Covid-19, il bollettino del 25 febbraio: i numeri dell’epidemia in Italia

Come di consueto, il Ministero della Salute nel pomeriggio di ieri ha aggiornato lo stato dell’epidemia da Covid-19 diffusasi in Italia. Stando alla tabella sanitaria di ieri, i casi di contagio erano saliti a 2.868.465 con un incremento di 19.886 unità rispetto alla giornata di mercoledì. In salita ancora i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 396.143 (+6.710) ed i ricoveri in terapia intensiva che risultavano essere 2.168 in totale, ossia 11 in più delle 24 ore precedenti. I guariti dall’inizio dell’emergenza sono 2.375.318 (+12.853). Registrati 308 decessi che hanno portato il bilancio totale delle vittime in Italia a 96.974.

 PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bollettino del 25 febbraio: oltre 12mila guariti nelle ultime 24 ore

Covid, Salvini dice no al lockdown di Pasqua. Zingaretti replica

Da giorni si parla di un nuovo possibile lockdown durante le vacanze pasquali, un’eventualità che, secondo il leader della Lega Matteo Salvini sarebbe “irrispettosa per gli italiani“. L’ex ministro degli Interni opterebbe, invece, per delle chiusure a livello locale, ma solo se realmente necessario. Inoltre, Salvini ha chiesto che vengano rimesse in moto le attività economiche e sociali che non corrono nessun rischio.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, Salvini dice no al lockwodn di Pasqua. Zingaretti replica – VIDEO

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (Getty Images)

Non si è fatta attendere la replica del segretario del Pd Nicola Zingaretti che, attraverso un post sulla propria pagina Facebook, ha scritto: “Vedo che, sulla pandemia, Salvini purtroppo continua a sbagliare e rischia di portare fuori strada l’Italia“.