Incendia casa per occultare brutale crimine: uomo rischia l’ergastolo

Un giovane vigile del fuoco sta affrontando un processo accusato di aver ucciso a coltellate la moglie 30enne incinta e la figlia di quest’ultima di soli 5 anni.

Russia uccide moglie incinta figliastra incendiacasa
(WhyCheese-Pixabay)

Un’agghiacciante storia arriva dalla Russia, dove un uomo sta affrontando il processo per la morte della moglie incinta e della figliastra di 5 anni. Secondo quanto ricostruito dall’accusa, l’uomo, un vigile del fuoco di 25 anni, avrebbe aggredito la neo sposa 30enne accoltellandola ripetutamente per poi avventarsi contro la figlia della donna che aveva provato a difendere la madre. Dopo i due delitti, il 25enne avrebbe poi cosparso di benzina i corpi e la casa appiccando un incendio nel tentativo di distruggere le prove.

Leggi anche —> Pistola a forma di penna, parte lo sparo: due infermieri feriti

Russia, accoltella a morte la moglie e la figliastra poco dopo il matrimonio: vigile del fuoco rischia l’ergastolo

Australia coppia uccisa corpi diga
Tribunale (Getty Images)

Leggi anche —> Scoppia la rissa: studentessa di 14 anni muore accoltellata

Ha ucciso brutalmente la moglie e la figlia di quest’ultima, due settimane dopo dal matrimonio. Di questo è accusato un vigile del fuoco di 25 anni che sta affrontando un processo a Vologda, nel nord-ovest della Russia. Stando a quanto hanno ricostruito gli inquirenti, riporta The Sun, il 25enne e la moglie avevano iniziato a litigare da tempo, per via del consumo di alcolici di quest’ultimo. Un giorno, l’uomo rientrato a casa, probabilmente ubriaco, si è accorto che la neo consorte, che al momento dell’omicidio era in incinta, non lo aveva salutato. Acciecato dall’ira, l’avrebbe aggredita con un grosso coltello da cucina colpendola per sette volte. La figlia della donna, una bambina di soli 5 anni, ha cercato di difendere la madre, ma il 25enne si è scagliato anche contro la piccola colpendola con 18 coltellate.

Dopo quanto messo in atto, forse nel tentativo di nascondere le prove, l’uomo avrebbe cosparso di benzina i corpi e la casa dando fuoco a quest’ultima che è stata avvolta in pochi minuti dalle fiamme. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ed i soccorsi che non hanno potuto far nulla per le due vittime.

La polizia di Vologda poco dopo ha concentrato le indagini sul vigile del fuoco che, dopo il suo arresto, riporta The Sun, ha confessato i due delitti durante gli interrogatori. Ora l’uomo sta affrontando il processo e, secondo la legge russa, rischia l’ergastolo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Polizia Russia
Polizia russa (Getty Images)

Il padre della 30enne ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la tragedia affermando di essere distrutto avendo perso contemporaneamente la figlia, la nipotina e l’altro nipote che la donna portava in grembo. “Li ho sempre amati come nessun altro. Adesso – ha affermato l’uomo, come riporta The Sun- non so più per cosa vivere