C’è posta per te, Gerry Scotti: “I campioni non sono solo negli stadi”

Grande entusiasmo per la storia di Cristina e Patrizio che aiutati da Gerry Scotti ritrovano la grinta persa dopo tanti problemi e due figli

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da C’è Posta Per Te (@cepostaperteufficiale)

Se già sappiamo che settimana prossima non sarà trasmessa la puntata del sabato sera di “C’è posta per te” a causa della messa in onda della finale di Sanremo 2021”, stasera comunque la trasmissione di Maria De Filippi ha saputo regalare comunque grandi sorprese già dalle prime battute.

È Gerry Scotti il primo a scendere in campo a fianco della prima ospite che ha chiesto di inviare la busta a Patrizio, suo futuro marito. Cristina è una giovane mamma che insieme al suo Patrizio ha affrontato molte peripezie nella vita. Il primo figlio arrivato quando i due erano agli inizia, i pasti saltati perché mancavano i soldi in casa, la seconda gravidanza non andata a buon fine. Poi l’arrivo dell’ultimo figlio Alessandro che ha dato una boccata d’ossigeno ai due.

Cristina ha voluto mandare la busta al marito per chiedergli scusa dei suoi continui malumori e le parole d’affetto che a volte mancano per stanchezza e problemi. L’arrivo di Gerry è propizio per risollevare gli animi della coppia.

LEGGI ANCHE -> “Ti auguro di sorridere sempre”. Silvia Toffanin col magone saluta l’ospite – VIDEO

Gerry Scotti si complimenta con la coppia in studio, “Che bella storia”

LEGGI ANCHE –> Elisabetta Canalis boxe e cambio look: la giornata è completa e lei è stupenda – FOTO

Gerry Scotti entra in studio accompagnato dalla musichetta che contraddistingue la sue scuderia “Andiamo a comandare”, e seduto a fianco di Patrizio gli sussurra “Mó sò cavoli tuoi”. Il conduttore scherzosamente gli propone anche un patto da stabili con la moglie nel caso iniziassero ancora le liti in casa, “Chiedile di non fare più alcune cose, almeno nei primi tre-quattro anni di matrimoni”.

Il giovane allora risponde che non vorrebbe più sentire la canzone “Amò t’aspetto all’altare” e vorrebbe che non le spegnesse più la tv mentre gioca la Roma. Almeno i due hanno già passato la cosiddetta crisi del settimo anno, Voi l’avete avuta ancora prima di sposarvi quindi il futuro fa ben sperare”, continua Gerry Scotti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Incredibile, tu a 24 anni hai già due figli da crescere, io alla tua età dicevo alla mia fidanzata di allora di dover tornare a casa per preparare un esame e invece andavo all’oratorio a giocare a calcio”. Che bella storia per il conduttore di Canale Cinque che si congratula con i due ragazzi per la grinta con cui hanno affrontato la vita in questi anni. Per lui “I campioni non sono solo negli stadi, ci sono dei campioni nella vita di tutti i giorni”.