Cella dell’orrore: detenuto di 23 anni ritrovato impiccato

Il dramma ha avuto luogo venerdì 26 febbraio, intorno alle 21:30. Il 23enne era in custodia cautelare da tre giorni.

Un detenuto di 23 anni è stato ritrovato impiccato questo venerdì 26 febbraio nella sua cella, presso il centro di custodia cautelare di Valenciennes (Francia). I vigili del fuoco sono stati allarmati intorno alle 22:00. Tuttavia, il corpo nazionale non è stato in grado di rianimare il giovane; i tentativi di soccorso sono stati vani. A riportare i fatti è il comunicato del servizio dipartimentale dei vigili del fuoco e del pronto soccorso della Francia del Nord. Secondo una fonte sindacale, il detenuto era in carcere “solo da tre giorni”, in attesa del processo per diversi atti criminali.

LEGGI ANCHE >>> Muore per arresto cardiaco prima di essere impiccata

L’agghiacciante scoperta oltre le sbarre

uomo si dà fuoco sui binari
vigili del fuoco francia (Getty Images)

Osservando attraverso lo spioncino della cella, l’agghiacciante scoperta. Arrivato in carcere solo pochi giorni fa, il giovane 23enne è stato ritrovato impiccato con le lenzuola del suo letto. Le guardie carcerarie hanno effettuato i primi soccorsi, in attesa dei vigili del fuoco, giunti sul posto circa una ventina di minuti dopo. I rapporti riportano che nonostante i ripetuti tentativi di rianimazione, il detenuto non ce l’ha fatta ed è stato dichiarato morto sul posto. Stando a quanto riferiscono le dichiarazioni ufficiali della polizia, non era la prima volta che il ragazzo si ritrovava dietro le sbarre.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Viola il coprifuoco: jogger si getta in acqua per evitare la multa

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Roberta Siragusa fidanzato prova a darsi fuoco in carcere
Carcere (patrick489 – Pixabay)

In precedenza, il criminale si era presentato già diverse volte in carcere, “ma solo per reati minori […] e non aveva mai posto alcun problema durante i periodi di detenzione.”

Fonte France Info