Il Vaticano trema: due cardinali cacciati da Papa Francesco

Il Vaticano è scosso dalle dimissioni di due cardinali, prontamente accettate da Papa Francesco, che potrebbero nascondere conflitti interni alla Chiesa

papa francesco
Papa Francesco (Getty Images)

Papa Francesco ha accettato le dimissioni del cardinale Robert Sarah, ex prefetto 75enne della Congregazione per il Culto divino, e Angelo Comastri ex vicario per la Città del Vaticano e arciprete di San Pietro che di anni ne ha 77. A spingere i due prelati ad abbandonare i rispettivi uffici ci sarebbero i sopraggiunti limiti di età, anche se non è inconsueto che la carriera di un cardinale prosegua ben oltre. A scuotere la Santa Sede c’è i realtà il dubbio che tali abbandoni siano più che altro legati a fratture insanabili tra le due correnti di pensiero che attraversano il Vaticano. Entrambi i cardinali infatti erano da considerarsi i baluardi di quell’ortodossia portata avanti con Ratzinger e che poco ben si sposa con il modernismo di Francesco.

LEGGI ANCHE -> Covid 19, una Regione in Zona Bianca: l’ordinanza del Ministro Speranza

I contrasti di Papa Francesco con l’ortodossia in Vaticano

Il pontefice ha annunciato la data di Pasqua 2021, fissata per domenica 4 aprile.
Papa Francesco (Getty Images)

LEGGI ANCHE -> Dpcm, cosa cambia dal 6 marzo: nuova sorpresa per piscine e palestre

Papa Francesco è indubbiamente uno dei pochi eredi al sacro soglio di Pietro che ha da sempre tentato di spingere la Chiesa cattolica verso la modernità e il dialogo alla pari con le altre religioni. Un tentativo che ha negli anni creato indubbiamente dei malumori all’interno dello stesso Vaticano, soprattutto in quelli legati alla visione portata avanti da Ratzinger  Uno dei primi scontri con il cardinal Sarah c’era stato già nel 2013 quando fu obbligato a modificare il messale per permettere al Papa di praticare la lavanda dei piedi ad un’islamica.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Papa Francesco
Papa Francesco e Papa Benedetto XVI (GettyImages)

Altro problema molto sentito è inoltre quello dell’uso del latino nelle funzioni liturgiche reintrodotto attraverso un motu proprio da Benedetto XVI. Inoltre negli ultimi anni la parte più conservatrice della Chiesa inizierebbe a vedere Papa Francesco addirittura come un appartenente alla massoneria. Illazioni nate a causa soprattutto del suo presunto tentativo di mutare il cattolicesimo in una religione ecologista, che favorisce l’immigrazione e appunto massona.