Bollettino del 28 febbraio: salgono i soggetti attualmente positivi

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi domenica 28 febbraio, ha comunicato i dati dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute ha aggiornato lo stato dell’epidemia da Covid-19 in Italia. Stando ai dati odierni, i casi di contagio complessivi sono saliti a 2.925.265 con un incremento di 17.455 unità rispetto a ieri. Salgono ancora i soggetti attualmente positivi risultano essere 422.367 (+10.401) ed i ricoveri in terapia intensiva (+15) che ammontano a 2.231. Il numero dei guariti dall’inizio dell’emergenza è giunto a 2.405.199 con un incremento di 6.847 unità.  Si aggrava ancora il bilancio delle vittime con 192 decessi registrati nelle ultime 24 ore che portano il totale a 97.699.

La regione Emilia Romagna, si legge nelle note, ha eliminato 15 casi dei giorni precedenti, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da tampone molecolare.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di sabato 27 febbraio

Coronavirus bollettino Italia febbraio
(Getty Images)

Nella giornata di ieri come di consueto sono stati resi noti i numeri riguardanti la pandemia da Covid in Italia attraverso tabella sanitaria dal Ministero della Salute. Il dato delle persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza era aumentato a 2.907.825. In crescita anche i soggetti attualmente positivi che erano pari a 411.966. Aumentavano anche i ricoveri in terapia intensiva che erano giunti a 2.216 pazienti. Il dato dei guariti arrivava a 2.398.352. Purtroppo saliva ancora il bilancio dei decessi che raggiungeva il totale di 97.507 unità.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>   Bollettino del 27 febbraio: i dati della pandemia di oggi in Italia

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di venerdì 26 febbraio

Il Ministero della Salute nella giornata di venerdì ha reso noti i dati sullo stato dell’epidemia da Covid-19 diffusasi nel nostro Paese. Stando ai numeri, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano saliti a 2.888.923. Ancora in aumento anche i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 404.664, così come i ricoveri nei reparti di terapia intensiva: 2.194 in totale. Il numero dei guariti era giunto a 2.387.032. Si aggravava ancora il bilancio delle vittime che portavano il totale a 97.227.

La Regione Emilia Romagna, si leggeva nelle note, comunicava che dal totale dei positivi erano stati eliminati 11 casi, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da tampone molecolare. Inoltre, era stato eliminato 1 decesso, in quanto non attribuibile a Covid-19.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>   Bollettino del 26 febbraio: oltre 21mila nuovi casi di contagio

Covid 19, una Regione in Zona Bianca: l’ordinanza del Ministro Speranza

La paura di una terza ondata del virus, considerato l’andamento della curva epidemica si fa sempre più pressante. Dall’ultimo monitoraggio del Ministero della Salute, infatti, numerose le regioni che hanno visto peggiorare la propria condizione con passaggio ad una zona avente misure più restrittive. In quadro così precario, però una buona notizia arriva per una delle due Isole Maggiori del Paese. La Sardegna, infatti, grazie ai suoi dati sarebbe stata collocata in zona bianca.

Un traguardo che valutando il quadro generale, sembrava lontano per tutte le Regioni, evidentemente no per la virtuosa Isola che dal 1° marzo riconquisterà la sua “normalità”. In zona bianca potranno riaprire tutte le attività comprese piscine e palestre.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Covid 19, una Regione in Zona Bianca: l’ordinanza del Ministro Speranza

Dpcm, cosa cambia dal 6 marzo: nuova sorpresa per piscine e palestre

Pubblicata la bozza di quello che dovrebbe essere il prossimo Dpcm in vigore a partire dal prossimo 6 marzo, data in cui perderà efficacia quello attualmente in vigore. Con ogni probabilità al suo interno saranno contenute anche disposizioni sulle festività pasquali.

All’interno del documento si leggerebbe in merito alle scuole che la presenza sarà per metà gestita con la Dad e per metà con la presenza, mentre con quest’ultima modalità rimarrà per gli alunni della scuola dell’infanzia, delle elementari e delle scuole medie. Vietata ogni forma di aggregazione alternativa.

In zona rossa, quanto alle attività, rimarranno chiusi barbieri e parrucchieri. Serrate ancora palestre, piscine ed affini. Quanto alle attività operanti nel settore della ristorazione permane l’obbligo di chiusura dopo le 18: consentita solo vendita d’asporto e domicilio.

Rimarrà vigente anche il coprifuoco dalle 22 alle 5 e la possibilità di far visita a non conviventi, in un numero massimo di due (dal cui computo vanno esclusi minori di anni 14 e disabili) eccezion fatta per la zona rossa dove, invece, è vietato.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Dpcm, cosa cambia dal 6 marzo: nuova sorpresa per piscine e palestre

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Dal 27 marzo, però, sorge la possibilità di una riapertura di cinema e teatri, purchè al loro interno venga garantito il rispetto delle norme anti-covid. Nulla da fare per fiere e discoteche che rimarranno chiuse come anche gli impianti sciistici.  Il nuovo Dpcm sarà in vigore fino al 6 aprile.