Cosa c’è dietro la sparizione del fondatore degli 883: Mauro Repetto?

Cosa di nasconde dietro l’improvvisa sparizione del compositore Mauro Repetto in concomitanza con il passato boom di ascolti degli 883?

Mauro Repetto sparizione 883
Mauro Repetto (Instagram @883ilmito)

Un’insolita uscita di scena fu quella del compositore e celebre ballerino, Mauro Repetto, fondatore al fianco di Max Pezzali dello storico e caldamente apprezzato gruppo musicale italiano degli 883. Dopo aver raggiunto il vertice delle classifiche più importanti negli anni del loro esordio, e grazie alla pubblicazione del loro secondo album Nord Sud Ovest Est, che  ha anche sancito il loro più risonante successo, Repetto smise improvvisamente di collaborare ad altri progetti e sparì nel nulla. In molti all’epoca, come con il trascorrere degli anni, si sono più volti chiesti che fine avesse fatto. Adesso però, a distanza di quasi due decenni, la risposta sembra giungere inaspettata.

Leggi anche —>>> Esce “Qualcosa di nuovo”, il nuovo album di Max Pezzali

Mauro Repetto Vs 883, perché uscì di scena sull’onda del successo?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ORRORE A 33 GIRI (@orrorea33giri)

Potrebbe interessarti anche —>>> Max Pezzali, dopo cinque anni di pausa, annuncia l’uscita di “Qualcosa di nuovo”

Naturalizzato francese e dalla bionda chioma, il co-compositore dell’indimenticabile brano  Come mai, da un giorno all’altro perse, forse appositamente, i contatti con Max. Con la promessa di rivedersi dopo le vacanze pasquali, per continuare a lavorare al loro terzo album assieme, poi mandò in fumo la parola precedentemente data all’amico.

L’album del 1993 segnò la storia della musica italiana vendendo le sue oltre 1.400.000 copie. Poi accadde qualcosa e lui decise di uscire di scena definitamente. Mauro infatti privilegiò l’idea di spostarsi repentinamente negli Stati Uniti, puntando su una nuova ispirazione: quella di cimentarsi nella carriera di attore e volendo dimenticare la plastica icona pop associata a lui nella penisola.

Dunque non sentendosi all’epoca l’unica star sul palcoscenico preferì gettarsi nella curiosa ricerca di una nuova esperienza. Una svolta che potesse esaudire i suoi desideri.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Passione Vinile (@passione_vinile)

Eppure è impossibile non ricordare quei momenti di spensieratezza in cui il “biondino” degli 883 divertiva in maniera unica i fedeli spettatori dei loro videoclip. Una cosa resta certa: senza la sua presenza non ci sarebbe stato per il gruppo quell’orizzonte prettamente immaginifico ed ancora oggi tanto acclamato dai loro fan.