Effetto Draghi anche in tv? I programmi cambiano registro

Il Governo Draghi riunisce al suo interno centristi, destra e sinistra. E così anche i programmi televisivi dovranno adeguarsi a toni più bipartisan, a partire dalla Rai

Effetto Draghi anche in tv? I programmi cambiano registro
Meno toni populisti e più argomenti soft per i programmi tv – Fuori dal Coro – screenshot

La televisione, soprattutto il servizio pubblico, deve riflettere la pluralità delle posizioni dei cittadini. Con l’insediamento del Governo Draghi, che riunisce al suo interno centristi ed esponenti di destra e sinistra, cambiano i toni del dibattito parlamentare. E di riflesso stanno già influenzando quelli dei programmi televisivi d’informazione.

A notare il cambio di linea editoriale è stato il quotidiano romano Il Tempo, che descrive i mutamenti in corso. Secondo il giornalista Arnaldo Magro, ora che Forza Italia collabora all’esecutivo, Mediaset avrebbe già chiesto ad alcuni conduttori “populisti” di cambiare registro e ammorbidire le loro posizioni. Ci ha pensato però il governatore del Friuli Venezia-Giulia a riaccendere il dibattito.

LEGGI ANCHE -> Sanremo, la risposta scomoda di Amadeus a Domenica In: “Chi ti è dispiaciuto scartare?”

Effetto Draghi anche in tv? I programmi cambiano registro

I programmi cambiano registro, come Agorà di Luisella Costamagna
Luisella Costamagna – Facebook

LEGGI ANCHE -> Sanremo, Amadues confessa retroscena: “Ho avuto un colpo al cuore”

Esponente della Lega, Massimiliano Fedriga, durante il suo intervento a Mattino 5 ha gettato benzina sul fuoco, dichiarando: “Dico una cosa sconveniente, ma la riapertura della scuola è stata ideologica. Un errore del governo. Prima si aprono le fabbriche e dopo le scuole”. Sul tema del lavoro: “Una ipocrisia andata avanti troppo a lungo. Diano prima i soldi a chi è in difficoltà. Altro che al pubblico impiego”.

Anche in casa Rai si tenta di aggiustare il tiro. “Agorà su Rai3 – analizza sempre Magro – è diventata di opposizione invece. E di cosa parlano dunque? I migranti a Trieste e la tratta balcanica. ‘L’ immigrazione è la mina vagante nel governo’ sostiene la conduttrice, Luisella Costamagna”. Uno dei temi caldi della destra, caro a Fratelli d’Italia, unico partito di un certo peso rimasto a fare opposizione al Governo di larghe intese guidato da Draghi.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter 

Massimiliano Fedriga a Mattino 5
Massimiliano Fedriga a Mattino 5 – screenshot

Quello che traspare per il momento è che i dibattiti televisivi si siano fatti meno accesi per il quieto vivere del neonato governo. Ma Magro non manca di notare come permanga una certa dose di scetticismo verso i sovranisti e la Lega, e la loro adesione all’esecutivo. “Lo pensano chiaramente a casa – conclude tagliente il giornalista – ma confessarlo in diretta non si può. Troppo anche per questo cambio editoriale”.