Ragazzo morto in un parco: madre parla di un inquietante episodio prima del decesso

Daniela Salustri, madre del 16enne morto ad Acilia (Roma) lo scorso 26 febbraio ha raccontato cosa sarebbe accaduto prima del decesso del figlio.

Acilia ragazzo morto parco madre accetta
Ambulanza (Parilov- AdobeStock)

Lo scorso 26 febbraio un ragazzo di soli 16 anni è morto presso il Parco della Madonnetta ad Acilia (Roma). A stroncare il 16enne sarebbe stato un arresto cardiaco, ma per confermarlo bisognerà attendere i risultati dell’esame autoptico. Secondo la madre del ragazzo, Daniela Salustri, dietro la morte del ragazzo ci sarebbe stato uno specifico ed inquietante evento.

Leggi anche —> Savona, violenta minorenne disabile e fugge: è caccia all’uomo

Acilia, parla la madre del 16enne morto al parco: “Era inseguito da un uomo con un’accetta”

Russia confessa duplice omicidio madre figlia
(fsHH – Pixabay)

Leggi anche —> Scontro tra due auto sulla provinciale: spezzata la vita di un giovane arbitro, grave il fratello

Un dolore inimmaginabile quello di Daniela Salustri, madre del 16enne morto ad Acilia lo scorso 26 febbraio. Il ragazzo, ad una prima analisi, pare sia stato stroncato da un arresto cardiaco, mentre si trovava al Parco della Madonnetta con alcuni amici. Tuttavia per confermare la causa del decesso bisognerà attendere risultati dell’esame autoptico.

Su quanto accaduto quel tragico pomeriggio si è espressa proprio Daniela Salustri svelando un inquietante retroscena sulla morte del figlio. “Mio figlio non stava giocando al parco con gli amici – riporta TgCom24 citando La Repubblica -. Stava scappando da un uomo che li inseguiva con un’accetta“.

Secondo la donna, l’uomo che inseguiva il figlio abita in un centro sportivo, ora in disuso, all’interno del Parco. Stando a quanto riferisce Daniela Salustri, l’uomo sarebbe saltato fuori dal palazzetto con un’accetta ed avrebbe iniziato ad inseguire i giovani. Una corsa durata per quasi 500 metri prima che il ragazzo si accasciasse in terra.

La donna, riportaTgCom24, ha aggiunto che gli amici del figlio hanno immediatamente contattato i soccorsi spiegando che l’amico era caduto e pareva non respirasse. Sopraggiunti sui luoghi gli operatori del 118, a nulla sarebbero valsi i tentativi di rianimazione.

Daniela Salustri sarebbe arrivata al parco quando il figlio era ormai deceduto. Prendendo coraggio, riferisce Tgcom24, sarebbe entrata all’interno del Palazzetto abbandonato, trovandovi all’interno tre uomini che le sembravano ubriachi. Avrebbe chiesto, quindi, chi avesse rincorso il figlio: uno si sarebbe scostato, gli altri due avrebbero detto di essere addolorati per l’accaduto. Uno degli uomini ad un certo punto avrebbe iniziato a gridare, dicendo alla donna che il ragazzo non era morto nella struttura, ma per strada.

Daniela Salustri ha affermato a gran voce che farà di tutto per far abbattere quel luogo, sito proprio nel cuore della città. Tuttavia, specifica Tgcom24 citando ilfaroonline.it, che quanto riferito dalla donna non è stato inserito negli atti processuali.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Monza giardiniere folgorato
Ambulanza (Vpardi- AdobeStock)

Gli inquirenti continuano ad indagare sull’accaduto. Sentiti sarebbero stati tutti coloro i quali erano presenti al momento dei fatti, ma nessuno – riporta Tgcom24– avrebbe parlato di quest’uomo con l’accetta.