Chi è Gio Evan: tutto sul cantante di “Arnica”

La 71° edizione del Festival di Sanremo 2021 vedrà debuttare il cantautore, poeta e scrittore Gio Evan. Porterà sul palco dell’Ariston un brano dal titolo “Arnica”. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gio Evan (@gio_evan)

Dopo l’esplorazione del mondo della poesia e della scrittura, Gio Evan sceglie di esordire al Festival di Sanremo 2021 con un brano di cui ha composto sia il testo che la musica: “Arnica“.

Il 2020 è stato per Gio Evan un anno di pubblicazioni: dai singoli Regali Fatti a Mano e Glenn Miller all’album Natura Molta, molto apprezzato dalla critica.
L’artista prevede per questa nuova avventura nella tradizione della musica italiana un misto di emozioni quali timidezza, gratitudine, gioia e paura. Si dichiara in attesa di vedere se riuscirà ad equilibrare tutto nel migliore dei modi, ma aggiunge che ormai fa parte di lui l’abitudine di essere “un contenitore pieno di emozioni”.

In un’intervista rilasciata a RaiPlay, Gio Evan parla del singolo “Arnica” con cui debutterà sul palco dell’Ariston tra il 2 e il 6 marzo 2021. Descrive l’arnica come una pianta perenne nonostante la sua caratteristica ossatura fragile. E’ una pianta che si trasforma in una crema che allevia i dolori del mondo. Con questa metafora, lo scrittore vuole parlare dell’effetto curativo che la canzone ha avuto su sé stesso, alleviando il male che il mondo gli ha causato.

Dichiarandosi più scrittore che cantautore, Gio Evan confessa che porterà in gara una poesia.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Chi è Gio Evan: origini e vita privata

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gio Evan (@gio_evan)

Lo scrittore italiano Gio Evan, pseudonimo di Giovanni Giancaspro, nasce a Molfetta il 21 aprile 1988.
Esordisce all’età di 20anni con il libro Il florilegio passato, una raccolta in versi che narra il suo viaggio in India “senza soldi né scarpe”. Sarà lo stesso autore a distribuirlo per le strade in Italia.
Tra il 2012 e il 2013, fonda Le scarpe del vento, un progetto musicale che lo vede scrivere, cantare e suonare la chitarra. Ne uscirà il suo primo disco, Cranioterapia, anch’esso, come il libro, autopubblicato.
L’anno 2014 lo vedrà coinvolto in due progetti per le strade francesi, Gigantografie e Le poesie più piccole del mondo, e pubblicare il suo secondo libro, il romanzo La bella maniera.
La raccolta in versi Teorema di un salto, uscita nel 2015, gli farà guadagnare un contratto con Miraggi edizioni, con cui pubblicherà Passa a sorprendermi.

Nel frattempo, la notorietà di Gio Evan cresce grazie ai suoi profili Facebook ed Instagram, in cui condivide estratti delle sue opere ed aforismi.
Nel 2017, esce il libro edito da Fabbri editore, Capita a volte che ti penso sempre, a cui segue un tour per tutta l’Italia.

Leggi anche -> Sanremo 2021, chi è Ghemon: tutto sul cantante di “Momento perfetto”

Dal 2018 è pubblicato dallo stesso editore Ormai tra noi è tutto infinito a cui segue Biglietto di solo ritorno, l’album d’esordio che lo porterà in tour anche in Europa.

In seguito ad un periodo di assenza, nel 2019 è tornato in scena con il romanzo edito da Fabbri Cento cuori dentro e con Natura molta, un doppio album. Il 15 e 16 novembre dello stesso anno lo hanno visto volare a Miami insieme a Carmen Consoli per la Hit Week. E’ un Festival che si pone come obiettivo di far conoscere la musica e la cultura italiana al di là del confini del Paese.
Dopo un tour tra novembre e febbraio 2020 andato sold out, Gio Evan ha pubblicato il libro di poesie Se c’è un posto bello sei te e il singolo Regali fatti a mano.
Il 2020 è stato un anno in ascesa per la carriera di Gio Evan. E’ stato impegnato anche in un altro tour di 17 date andato sold out, Albero ma estro, così come nella pubblicazione dell’ultimo libro I ricordi preziosi di Noah Gingols e del nuovo singolo Glenn Miller.

Ora non dobbiamo far altre che attendere il 2 marzo per ascoltare Arnica.