Disabili: qual è la loro situazione Covid? Il rischio si fa sempre più vivo

La pandemia continua, i vaccini sembrano l’unica soluzione ma essi a chi vanno? Per tre quarti dei disabili il Covid è un rischio, perché?

disabili covid
puntura (Getty Images)

E’ una corsa contro il tempo, lo stesso che da un anno a questa parte ci è stato in parte sottratto. Il Covid sembra non volerci abbandonare, ma le persone sono esauste di lottare. Esiste una soluzione? Sì ed è il vaccino, ma quante dosi servono affinché si arrivi ad un’immunità totale? Per il momento meno di un quarto della popolazione è stata vaccinata e molti rischiano di non avere aiuti, tra questi tre quarti dei disabili. La notizia arriva direttamente da alcune associazione che hanno denunciato tale fatto.

LEGGI ANCHE>>>Covid, il nuovo commissario Figliuolo cambia il piano vaccinale – VIDEO

Disabili e Covid: qual è il rischio?

vaccino
(Photo by David Greedy/Getty Images)

LEGGI ANCHE>>>In ritardo per il vaccino anti-Covid, 88enne sfiora i 191km/h

Il tempo scorre e le persone muoiono. Il vaccino sembra essere l’unica soluzione al problema Covid ma che succede quando le dosi non arrivano? Ci sono buone probabilità che molte persone non vengano vaccinate visto che mancano chiarimenti e prescrizioni soprattutto per quella parte con disabilità. Infatti secondo le associazioni le persone con problematiche dovrebbero avere la priorità di vaccinazione, con urgenza a prescindere dalla loro collocazione, coinvolgendo medici di famiglia e dipartimenti salute mentale che li hanno in carico. Si tratta di persone che oltre alla loro condizione di salute sono tra le più a rischio di essere contagiate e al tempo stesso di contagiarne altre vista l’impossibilità di assicurare il distanziamento fisico.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

produzione vaccino in Italia
(Getty Images)

Un altro problema sta nel fatto che le Regioni non presentano uno specifico richiamo alla vaccinazione nel piano nazionale e non assumono decisioni e responsabilità. Per molti esperti l’Italia ha perso tempo, è veramente così?