Ortica: i molti benefici e come utilizzarla al meglio in cucina

L’ortica è un’erba di campo tipica di questo periodo commestibile molto versatile sia per le proprietà e la cura del corpo, che in cucina

Ortiche proprietà ed usi in cucina
Ortiche (Foto di klimkin da Pixabay)

L’ortica è una pianta molto diffusa nelle zone collinari e della pianura che sta facendo il suo ingresso sui campi proprio in questi primi giorni di sole intenso. Anche se è annoverata come un’erba spontanea, racchiude al suo interno principi attivi curativi benedici in grado di trattare efficacemente patologie che interessano le vie urinarie, artrite, dolori alle ossa, emorragie, dolori mestruali ed eczema.

Nonostante sia una pianta molto temuta per il suo potere orticante e quindi spesso snobbata, gli studi al contrario hanno dimostrato che conserva ottime proprietà antiossidanti, antimicrobiche, anti-ulcera, astringenti e analgesiche. Un vero toccasana per chi mette da parte i timori infondati sulla sua raccolta e decide invece di provare a consumarla in cucina.

  • Purifica il fegato grazie all’acido caffeico, l’acido oleico e l’acido linoleico al suo interno che stimolano la funzione biliare e la secrezione dei succhi gastrici facilitando la digestione. L’ortica contiene alte dosi di creatina che facilita l’assimilazione dei cibi, toccasana per chi ha intolleranze alimentari.
  • È ricchissima di ferro e di clorofilla che stimolano la produzione di globuli rossi, quindi è indicata a chi soffre di anemia ed è soggetto a pressione bassa e svenimenti frequenti.
  • Sembra essere un ottimo diuretico se usata come decotto, ma anche per il trattamento per i muscoli e articolazioni doloranti, eczema, artrite se usata invece come unguento e crema.
  • Infine rafforza i capelli quindi è indicata nel trattamento del lavaggio quotidiano del cuoio capelluto.

LEGGI ANCHE -> Come prevenire l’Alzheimer con una dieta specifica: la scienza alimentare ci viene incontro

Ortica in cucina, alcune ricette facile per gustarla al meglio

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Monica ღ (@my_vegan_life_moni)

LEGGI ANCHE -> Aglio: l’hai sempre mangiato nel modo sbagliato. Spiegato il motivo

Si tratta di una pianta spontanea che impariamo a conoscere fin da bambini per la sua proprietà intrinseca di pungere e infiammare la zona cutanea con cui viene a contato. “Urtica Dioica” significa appunto bruciare ma se raccolta con cura e ben cucinata può essere un ingrediente base per moltissimi piatti gustosi, dai risotti alle frittate, fino agli gnocchi.

Ma come si fa a pulire le ortiche prima di tutto? Visto il potere irritante che ha quest’era spontanea, il consiglio è ovviamente quello di non toccarla mai a mani nude ma munirsi sempre di guanti e forbici. Sarà sufficiente staccare le cime più fresche che poi andranno sbollentate in acqua come qualsiasi altra verdura oppure essiccate.

L’ortica cresce generalmente in campagna e nelle zone di montagna dove il clima è più mite, cercare di raccoglierla in zone lontane dal traffico cittadino per evitare di assorbire poi elementi cancerogeni presenti nel vegetale. Ma veniamo a due semplici preparazioni da poter realizzare con facilità in questo periodo dell’anno.

Risotto di ortiche (4 persone)

  • Riso 320 g
  • Ortiche 400 g
  • Olio extravergine d’oliva
  • Vino bianco 50 g
  • Porri 100 g
  • Brodo vegetale 1 l
  • Burro 40 g
  • Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare q.b.

Dopo aver preparato il brodo vegetale occuparsi della pulizia delle ortiche: innanzitutto indossate dei guanti per proteggervi le mani, togliete le parti più dure, lavate le cimette sotto acqua corrente e mettetele a cuocere a fuoco basso in un tegame con l’olio e un po’ d’acqua finché non saranno appassite. Trasferirle poi in un bicchiere alto dove saranno frullate con un mixer ad immersione.

Preparare il soffritto del risotto affettando a rondelle sottili il porro che sarà poi posto nel tegame con olio finché non sarà rosolato. Aggiungere il riso e farlo tostare, quando avrà cambiato colore sfumatelo con il vino bianco e solo quando tutta la parte alcolica sarà evaporata unire un paio di mestoli di brodo caldo. Cuocere il risotto per circa 5 minuti, poi aggiungete la crema di ortiche ed il brodo all’occorrenza. A piacimento, verso fine cottura è possibile usare del caprino fresco invece che il Parmigiano per amalgamare il tutto.

Frittata di ortiche

  • Ortiche 400 g
  • Uova 5
  • Burro 40 g
  • Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare 40 g
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Ortiche proprietà ed usi in cucina
Ortiche infuso (Foto di MOISES LAZO da Pixabay)

La base è la stessa del risotto solo che a cottura delle ortiche nel tegame vanno versate le uova strapazzate e pepate. Conservate la frittata di ortiche in frigo in un contenitore ermetico o ben coperta da pellicola per massimo due giorni.