Fontana, zona arancione rafforzata da mezzanotte per la Lombardia

Il Presidente Attilio Fontana ha decretato la zona arancione rafforzata a partire dalla mezzanotte per la Regione Lombardia.

Attilio Fontana Lombardia zona arancione rafforzata
Attilio Fontana (Getty Images)

E’ necessaria una scelta decisa e rapida“, ha sentenziato oggi il Presidente della Regione Lombardia. Attilio Fontana ha appena indetto delle nuove misure restrittive per far fronte all’emergenza delle ultime ore, dato il nuovo e rischioso aumento dei contagi si è optato per riportare in vigore lo status di zona arancione rafforzata. Il provvedimento entrerà in vigore a partire dalla mezzanotte di oggi martedì 4 marzo.

Leggi anche —>>> Covid, nuovi studi confermano un dato importante sui bambini

Fontana, Lombardia da mezzanotte scatta la zona arancione ma rafforzata

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Attilio Fontana (@fontanaufficiale)

Potrebbe interessarti anche —>>> Iss: con le nuove indagini alcune regioni rischiano la fascia rossa

A partire da domani le attività scolastiche in presenza negli istituti di formazione verrano sospese almeno fino alla data prevista per il rinnovo dell’attuale provvedimento. La zona arancione rinforzata resterà infatti in vigore, salvo nuovi ordini, fino al prossimo 14 marzo. Gli studenti continueranno le lezioni attraverso l’utilizzo della DAD. Gli unici a poter continuare la loro attività saranno i nidi.

Inoltre sarà vietato recarsi nei parco giochi o nelle varie arie ludiche per bambini. Coloro che sono in possesso di seconde case, sia all’interno della propria regione che all’esterno, dovranno fare a meno di recarcisi salvo che per motivi di estrema necessità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Attilio Fontana (@fontanaufficiale)

La situazione estremamente preoccupante ha richiesto un intervento perentorio per evitare che le zone ancora non colpite possano restare preservate. Il peggioramento secondo Fontana sarebbe “anche in relazione alle classi di età più giovani“, spiegando infine come: “La misura dopo il Bresciano si è resa necessaria per gli indicatori di quasi tutti i territori dove la progressione dei contagi è preoccupante“.