Barbara Palombelli, il ricordo dell’amico che non c’è più:”Giocando con una pistola ha trovato la morte”

Scende le scale più ambite d’Italia Barbara Palombelli con un elegantissimo abito di velluto nero e le sue parole sono un viaggio nella storia della musica italiana.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Barbara Palombelli (@barbarapalombelli_official)

Da Celentano a Diodato passando per Luigi Tenco, la giornalista romana Barbara Palombelli, moglie di Francesco Rutelli, recita un monologo dedicato alle ragazze di oggi e al duro lavoro da fare per conquistare la parità e raggiungere i propri obiettivi.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Sanremo 2021, il ritorno di Achille Lauro: “Porterò la mia follia”

Il ricordo di Luigi Tenco che morì suicida a Sanremo nel 1967

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Sanremo 2021, chi è Achille Lauro? Tutto sull’ospite delle 5 serate

Proprio qui Luigi Tenco giocando con una pistola trovò la morte“. Le parole emozionate di Barbara Palombelli nel suo omaggio al grande cantautore trovato morto nella sua camera d’albergo durante Sanremo 1967.

“Molti anni dopo chiesi a Gino Paoli cosa accadde veramente a Sanremo quell’anno – ha detto la Palombelli – e lui mi disse: ‘Noi non avevamo le droghe e ci dovevamo caricare di emozioni quindi camminavamo nella notte sui cornicioni, guidavamo a fari spenti e io ho una pallottola nel cuore. Anche io giocavo con le pistole come Luigi’.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Nel suo monologo la giornalista Mediaset, moglie di Francesco Rutelli, ha ripercorso varie tappe fondamentali della sua carriera incitando le giovani donne a “studiare fino alle lacrime“.

Le donne devono ricostruito il Paese – ha detto la Palombelli – dunque bisogna correre senza farvi togliere il futuro e la dignità. Non vi arrendente, facciamo rumore, fate rumore“.