Sanremo 2021, Arisa è icona di stile: dal completo rosso alla camicia bianca destrutturata

Un abito lungo nero abbinato ad una camicia bianca asimmetrica: Arisa conquista il palco dell’Ariston in questa edizione di Sanremo 2021. 

Arisa Sanremo tailleur Primavera 2021
Arisa (Getty Images)

Dal tailleur rosso, sinonimo di forza e determinazione femminile, Arisa conquista la serata delle cover di Sanremo 2021 con una camicia bianca che è già tendenza Primavera 2021. E’ futuristica e rappresenterà l’evoluzione del nostro guardaroba.

Il giovedì della settimana del Festival la vede indossare un outfit a contrasto tra nero e bianco: una combo che rimanda molto al minimal della fine degli anni ’90. Un nuovo capo cult che stravolgerà le nostre wishlist.

Durante la serata dedicata alle canzoni d’autore, Arisa ha fatto coppia con Michele Bravi: hanno duettato sulle note di Quando di Pino Daniele. Gli spettatori li hanno visti esibirsi tenendosi per mano, mentre una rosa bianca era infilata nel polsino della camicia: sinonimo di artificio, del fermarsi nel tempo fino all’eternità, avvalorato dal fatto che un fiore di quel colore non esiste in natura.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

La camicia bianca di Arisa: a Sanremo 2021 si seguono le tendenze della moda Primavera Estate

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rebecca Baglini (@rebeccabaglini)

Leggi anche -> Arisa a Sanremo: il tailleur Primavera 2021 è l’urlo di forza di ogni donna

Firmato Maison Margiela, il look di Arisa è composto da un vestito lungo nero in velluto con inserti in tool. A fare da contrasto, una camicia bianca oversize, morbida e asimmetrica.
Un look sbarazzino che esalta la diversità, l’originalità.

La cantante di Sincerità ha completato il look con delle zeppe, ottenendo un effetto finale che ci ha riportati con la mente a ripercorrere le mode dagli anni ’70 agli anni ’90.

In realtà, l’outfit di Arisa ha un significato ben preciso: la Maison da sempre si schiera contro l’edonismo e questo ideale sposa molto la nuova immagina della cantante.
Il look viene raccontato dalla stylist Rebecca Baglini: l’identità genderless è sottolineata dall’unione di due iconici capi, posizionati su due estremi diversi che vedono da una parte l’abito lungo con strascico e dall’altro la camicia.

Martin Margiela è tra l’altro da ricordare per la sua etichetta bianca, lasciata vuota. Doveva significare che era l’abito stesso a parlare per lui.