Il Paradiso delle Signore, anticipazioni 9 marzo: la Caffetteria è in pericolo

Il Paradiso delle Signore, anticipazioni 9 marzo: Armando è sempre più triste, Salvatore sempre più preoccupato.

Il Paradiso delle signore anticipazioni 9 febbraio
Salvatore (foto Rai)

Da quando Giuseppe sembra essere cambiato in meglio, Agnese ha deciso di provare a salvare il suo matrimonio. Ciò significa mettere però da parte i suoi sentimenti per Armando e provare ad andare avanti senza di lui. Armando, deluso dalla scelta di Agnese, e non sa come affrontare la separazione. Nel frattempo le minacce del Mantovano si fanno sempre più pressanti. L’intera Caffetteria è a rischio ormai.

Leggi anche -> Beautiful, anticipazioni puntata 9 marzo: Steffy prende una decisione su Zoe

Il Paradiso delle Signore, anticipazioni 9 marzo: Vittorio cerca aiuto

Leggi anche -> Aiello si sfoga sui social dopo Sanremo: “Per alcuni era già troppo tardi”

Dalle anticipazioni de Il Paradiso delle Signore scopriamo che la Caffetteria potrebbe prendere fuoco da un momento all’altro. Questa è la minaccia che il Mantovano rivolge a Marcello. Salvatore è terrorizzato all’idea che l’uomo possa appiccare il fuoco e decide dunque di rimanere a dormire all’interno del locale. In suo soccorso arriva però Giuseppe, che trova un uomo adatto al compito di sorveglianza. Nel frattempo Ludovica ha promesso a Marcello che andranno insieme a Parigi, ma una proposta di Adelaide rischia di farla desistere.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Sempre dalle anticipazioni scopriamo infine che l’abito in stile british pensato da Gabriella non fa altro che raccogliere l’opinione negativa della stampa. La stilista è mortificata, ma nessuno è preoccupato quanto Vittorio Conti. Il capo del Paradiso ha bisogno di una mossa efficace per riabilitare il giudizio del pubblico sulla nuova collezione. Per ottenere questo risultato, Vittorio decide di rivolgersi a Federico Cattaneo e al suocero Umberto Guarnieri.