Oggi è un altro giorno, Gaudiano: “Il mio dolore è stato fortissimo”

Ospite di Serena Bortone nel salotto di “Oggi è un altro giorno” del 17 marzo 2021 è il cantante Gaudiano, vincitore di Sanremo tra le nuove proposte. Con la brava giornalista di Rai 1, il cantante pugliese ha raccontato i momenti più toccanti insieme con il padre e la sua gioia della vittoria a Sanremo. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAUDIANO (@gaudiano___)

“Mi faccio chiamare con il cognome invece che con il nome – ha detto Gaudiano intervistato da Serena Bortone – perché volevo che nel mio nome d’arte ci fosse anche mio padre e l’unico modo era chiamarmi con il mio cognome”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Oggi è un altro giorno, Claudio Gioè: “Quando l’avvocato di Riina disse che ero stato bravo”

“Mio padre è stato l’amore della mia vita”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAUDIANO (@gaudiano___)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Oggi è un altro giorno, Muriel: “Quando il prof di italiano mi disse hai la pancia”

Luca Gaudiano, conosciuto semplicemente come Gaudiano, 29 anni, pugliese, è stato il vincitore del festival di Sanremo tra le nuove proposte. La sua canzone che si intitola “Polvere da sparo” parla del padre del cantante e del dramma della malattia.

Mio padre si chiamava Ciro – ha dichiarato Gaudiano a Serena Bortone – è una figura importante della mia vita perché è riuscito a trasformare il nostro rapporto che andava oltre la genitorialità, era come se lui fosse il mio migliore amico. Mi ha insegnato l’amore e l’attaccamento per la vita che ha mantenuto anche nei momenti più difficili“.

Il ragazzo della via Gluck – continua Gaudiano – era la canzone preferita di mio padre ed è un po’ la storia di chi si trova ad anadare via dalla propria terra per migliorare la propria vita e mio padre era molto legato a questa canzone. In più, era innamorato di Celentano“.

Purtroppo, però, il cantante pugliese non ha mai avuto il piacere di conoscere Celentano ma dice a Serena Bortone che è come se lo conoscesse. “La sua vocalità, il timbro, il modo di intendere le parole degli altri, il modo di interpretare – dice – mi hanno sempre molto affascinato“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAUDIANO (@gaudiano___)

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Poi, il cantante pugliese racconta del cancro al cervello che ha colpito il padre e della sua battaglia contro la malattia. “La sua operazione al cervello – dice – è avvenuta nel 2016 e nel 2019 è venuto a mancare, dopo alti e bassi

Il periodo dopo l’operazione lui ha dovuto fare delle sedute di riabilitazione e radioterapia e io lo accompagnavo a Milano. Nonostante fossero momenti tragici – dice commosso Gaudiano – io ho amato questa città perché ho trascorso del tempo con lui e ogni ricordo che ho in un luogo con lui lo rende un luogo bello“.

Sono stato il padre di mio padre ma ho capito che l’amore non conosce ruoli. Non si è più padri, figli, si è solo innamorati. Io  – continua – non mi sono mai preoccupato di che ruolo io avessi perché lui era l’amore della mia vita. E’ stato un lasciarsi andare all’amore“.

A mio padre è arrivato l’amore che lui mi ha dato. Io non ho elaborato il lutto – dice il cantante – e ho provato rabbia perché lui ha lottato tanto. Il fatto che non ci sia stata una conclusione direttamente proporzionata al suo sforzo per rimanere attaccato alla vita. Lui non si è mai lasciato andare“.

A questo punto però Gaudiano ha lanciato un messaggio di conforto e speranza a tutte quelle famiglie che sono alle prese con le malattie. “Non si parla abbastanza della malattia – continua – ci sono molte famiglie che vivono questi drammi e io mi sono sentito un ambasciatore di coloro i quali vivono questi drammi. Arrivare a Sanremo per me è stata la più grande vittoria“.

La frase della mamma di Luca Gaudiano dopo la vittoria è stata emblematica: “Per noi sembrava che non ci potesse essere più felicità e invece è arrivata“. E il cantante replica: “La gioia è stata immensa, straripante, non ho mai provato una gioia così forte“.

Il percorso per arrivare alla vittoria del festival di Sanremo, per altro, è stato molto lungo e faticoso. “Io e i ragazzi che sono arrivati con me sul palco dell’Ariston ci siamo resi conto di quanto fossimo cresciuti dal primo momento fino alla finale“.