Stefano D’Orazio e quella rivelazione della moglie: “Vi dico perchè è morto”

Fra le tante persone portate via dal Covid anche Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh. Il ricordo della moglie Tiziana Giardoni

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tiziana (@tiziana_giardoni)

Stefano D’Orazio, il mitico batterista dei Pooh, si è spento il 6 novembre del 2020 vittima della drammatica pandemia di Covid 19. Purtroppo il suo fisico già debilitato da una forma di leucemia che l’aveva colpito l’anno precedente non è riuscito a reggere l’urto del temibile virus. La sua scomparsa si è unita ai tanti lutti che nell’ultimo hanno hanno messo in ginocchio l’Italia e non solo. Dell’artista tanto si è parlato, grazie alla sua straordinaria carriera durata oltre mezzo secolo, ma di recente è tornata a raccontare di D’Orazio anche sua moglie Tiziana Giardoni. I due, pur convivendo dal 2007, si erano sposati soltanto nel 2017 perché il musicista era fermamente convinto di non voler mai convolare a nozze. La Giardoni ha poi ricordato che il loro matrimonio era stato organizzato dallo stesso Stefano che, anche per prendersi in giro, aveva addirittura pubblicato un libro dal titolo “Non mi sposerò mai – Come organizzare il matrimonio perfetto senza avere alcuna voglia di sposarsi“.

LEGGI ANCHE -> Gigi D’Alessio esce allo scoperto: “Si lei mi ha tradito”

La perdita di Stefano D’Orazio nei ricordi nella moglie

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tiziana (@tiziana_giardoni)

LEGGI ANCHE -> Francesca Manzini, il dolce anniversario in attesa delle nozze – FOTO

Tiziana Giardoni ha aperto il suo cuore raccontando le ultime settimane del suo “principe azzurro“. La famiglia e gli amici di D’Orazio ancora si interrogano sul come il musicista abbia potuto contrarre il virus. “Non usciva mai di casa perché sapeva di essere ancora debole – ha ricordato la moglie – all’inizio credevo di essere stata io a contagiarlo ma i miei tamponi erano negativi“. Ha poi raccontato che dopo quello che sembrava un piccolo miglioramento una notte gli è salita la febbre alta e da qui la decisione di trasferirlo in ospedale. “L’ultima volta che l’ho visto stava entrando nell’ambulanza per essere ricoverato, non sono riuscita a dargli nemmeno l’ultima carezza“.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tiziana (@tiziana_giardoni)

Nonostante infatti i tentativi di Tiziana di andare in ospedale per stargli accanto per le questioni di sicurezza diventate tristemente note a tutti Stefano se n’è andato da solo al Policlinico Gemelli di Roma. A dispetto dei mesi passati il ricordo dell’ex componente dei Pooh è ancora vivo nei fan e ovviamente nella sua famiglia, da pochi giorni è stato pubblicato “Tsunami“, il suo romanzo postumo.