Andrea Zelletta si racconta a YesLife: “La mia avventura al Grande Fratello Vip”

Finalista dell’ultima edizione del Grande Fratello Vip, Andrea Zelletta è stato senza dubbio uno dei concorrenti più amati. Abbiamo fatto una chiacchierata con lui che ci ha raccontato della sua esperienza

andrea zelletta
Il tronista Andrea Zelletta (Facebook)

Andrea Zelletta, da “comodino” a “croccantino“, è stato sicuramente uno dei concorrenti più amati dell’ultima edizione del Grande Fratello Vip: una vera e propria rivelazione. Ex tronista di Uomini e Donne, è entrato nella casa più spiata d’Italia in punta di piedi e poco a poco, con la sua umiltà e la sua simpatia innata, è riuscito a conquistare il pubblico che lo ha mandato dritto in finale. Oggi, a poco più di due settimane dalla fine del reality, abbiamo avuto modo di fare quattro chiacchiere con lui e di parlare un po’ di questa avventura pazzesca che lo ha segnato tanto.

 

Ciao Andrea, benvenuto su YesLife e bentornato a casa! Com’è stato tornare alla realtà dopo sei mesi di reclusione? Pensi ancora di dover indossare il microfono quando ti svegli la mattina?

No il microfono per fortuna non lo cerco, ma una settimana fa l’ho sognato di notte. Mi sono svegliato, ero tutto sudato, mi sono detto “dov’è il microfono? Dov’è la telecamera?”. Bene o male c’era Natalia al mio fianco. È inutile fare l’ipocrita e dire “dopo un po’ non ti rendi più conto delle telecamere”, come non te ne rendi conto? Te ne rendi eccome. Ti seguivano perfino in bagno. La mia paura più grande prima di entrare era il microfono e ti confermo che è stata proprio quella, avere il microfono sempre attaccato è pesante, molto“.

“Nella casa hai raccontato di aver fatto molti provini. Come si è presentata l’opportunità di partecipare al Grande Fratello Vip?”

“Quando parlavamo tra compagni di casa, anche se c’erano le telecamere io facevo finta che non ci fossero e parlavo come se fossi stato fuori. Ho detto di aver fatto diecimila provini ed è successo il caso nazionale, ma no, non ne ho fatti diecimila. È partito che il primo provino l’ho fatto per il GFVip 2, loro mi hanno chiamato perché cercavano un modello che avesse fatto delle sfilate importanti e io in quel periodo avevo fatto tante sfilate per Armani e altri brand. Avevo 22-23 anni. Ho fatto il colloquio e non mi hanno preso. Il secondo provino l’ho fatto per il GFVip 4, dopo che ho terminato il programma Uomini e Donne come tronista e non mi hanno preso. È comunque la redazione che ti cerca, non è mai il concorrente che si può proporre. Loro ti cercano, tu decidi di affrontare il provino e io ho deciso di affrontarlo alla grande. Non è che vai lì, lo fai, ti prendono e decidi di non farlo, io se faccio il provino è perché lo voglio fare. Poi ho fatto il provino per il GF Vip 5 dove mi hanno preso, inaspettatamente. Perché sinceramente dopo che mi hanno visto due volte non pensavo di essere preso. Infatti ho chiesto ad Alfonso: “mi avete visto due volte, cos’è cambiato?”. Ma va bene, non c’è due senza tre. Quando si parla possono essere fraintese tante cose, non è che ho fatto millecinquecento provini! Però avevo proprio voglia di fare un’avventura del genere”.

Sei stato sicuramente la persona più vicina a Tommaso Zorzi negli ultimi mesi. Dopo l’uscita di Francesco Oppini dalla casa, lui ha cominciato a fidarsi di te e sei diventato uno dei suoi pilastri. Ti aspettavi questa evoluzione nel vostro rapporto? Vi sentite spesso?

“Sì, adesso ci sentiamo molto spesso. Poi abitiamo tutti e due a Milano, anche se come ben sai non possiamo vederci perché siamo entrambi in zona rossa, ma ci sentiamo molto spesso. Non mi aspettavo questa crescita esponenziale, perché è stata una crescita molto importante. Io ho visto delle clip che non avevo mai visto dove davvero tra me e Tommaso volavano scintille. Però è stato un crescere proprio naturale, nessuno dei due ha mai forzato la mano per volersi avvicinare né all’uno né all’altro, ed è stato bello. Inaspettato. Io avevo già una profonda stima per la cultura di Tommaso e per la sua intelligenza, però non ho mai forzato, non ho mai cercato di diventare obbligatoriamente un suo amico. Quando c’è stata un’apertura da parte sua e un’apertura da parte mia, poi tutto il resto è venuto veramente naturalmente ed è stata una crescita d’amicizia bellissima. Sono felice di questo perché secondo me lui è un ragazzo che mi può dar tanto sotto il profilo della sua cultura e del suo estro ed io magari posso dare altrettanto qualcosa a lui. Lui adesso si fida davvero di me e questa è una cosa positiva dopo che lui aveva detto che faceva fatica a fidarsi degli uomini, e quindi mi fa super piacere che abbia cambiato idea”. 

tommaso zorzi ammiratore
Andrea Zelletta e Tommaso Zorzi (Facebook)

Sei mesi nella casa sono tanti e ad un certo punto è diventato complicato tenere su le maschere. Da quello che hai visto, chi è che secondo te ha recitato?

Recitato è una parola forte, però le persone di cui non mi sono mai fidato sono quelle che ho nominato dall’inizio alla fine. Sono state Dayane e Maria Teresa, le due persone che io costantemente in tutto il percorso del Grande Fratello ho nominato, perché secondo me erano un po’ eccessive nel modo di esporre alcune cose e in alcuni atteggiamenti erano un po’ spinte, non so da cosa, magari dalla voglia di fare strategia. Sono delle persone con cui non sono andato proprio d’accordo. Io sono rimasto sempre della mia idea, sono molto aperto al cambiare le mie idee ma in quella circostanza non è successo perché le persone non me le hanno fatte cambiare“.

Tra i tanti legami, amicizie o amori che sono nati nella casa, quale ti ha colpito di più?

Ad esser sincero, mi hanno emozionato di più le evoluzioni dei miei rapporti. Inizialmente quasi nessuno aveva fiducia in me e quasi tutti avevano un po’ questo pregiudizio, che è una parola un po’ forte perché non è un pregiudizio, è un mettere dei paletti e darmi del scontato. Il bello che sta lì e non fa nulla. Il fatto che poi in tanti, soprattutto gli elementi della casa con una personalità da vendere, abbiano cambiato idea e speso, come nel caso dell’ultima cena, delle belle parole nei miei riguardi quella per me è stata una grande emozione che mi ha reso felice“.

 

 

Sei stato sicuramente il concorrente che ha fatto la crescita più evidente. Cosa ti ha lasciato questa esperienza?

Mi porto una maturazione caratteriale importante, mi porto dietro tutte le cose belle che son successe e che ho anche risolto: i rapporti con mia madre, con mio padre che sicuramente coltiverò fuori dalla casa e che non darò più per scontato, e la consapevolezza di amare Natalia più che mai. Lì ho capito che gli aspetti caratteriali non li puoi cambiare ma li puoi smussare: io sono entrato dentro la casa sulla difensiva, ero molto permaloso, però questa cosa qui man mano che passava il tempo migliorava e io sono cambiato da quel punto di vista. Sono riuscito a dare importanza alle parole però a quelle delle persone che realmente provano qualcosa per me e che per me sono importanti. Se invece sono parole dette da persone che nella mia vita non conteranno nulla, gli do il giusto peso e me le faccio scivolare di più addosso“.

Gf Vip anticipazioni
Gf Vip Andrea Zelletta (foto dal sito ufficiale del Gf Vip)

Da “comodino” a “croccantino”, sul web non si parla d’altro che di te. Ti aspettavi tutto questo affetto da parte del pubblico?

Non me lo aspettavo, soprattutto perché ho visto tramite Natalia che mi ha fatto vedere un po’ tutto quello che succedeva durante i mesi che trascorrevano nella casa, che inizialmente non ero molto simpatico alle persone. Non mi aspettavo una volta uscito di trovare tutto questo affetto e tutta questa gente che veramente ha visto ogni singola sfaccettatura, perché mi arrivano video ogni giorno dove hanno veramente ripreso e notato anche il mio respiro durante la notte, la mia faccia mentre dormivo. Un affetto inaspettato che mi rende orgoglioso e io non posso che ricambiare questo affetto con il continuare a fare quello che sto facendo sperando di riuscire a strappare un sorriso in questo periodo così particolare“.

Durante la semifinale, quando hai sfidato Tommaso ci hai regalato uno dei momenti più emozionanti dell’intera edizione. Sei soddisfatto del tuo quinto posto?

Non mi aspettavo di arrivare in finale ma ci speravo essendo una persona molto competitiva. Ad un mese dalla fine, ci speravo solamente per vivere quella emozione. Sapevo che Tommaso era uno dei concorrenti più amati e più forti, e sinceramente a me non piace perdere ma se devo perdere voglio farlo con il campione. Ho deciso di sfidare lui perché per me era la persona nella casa che aveva più dato al reality. Parlando di “comodini”, sto pensando ad un progetto musicale visto che faccio il DJ proprio sfruttando questa parola che mi ha fatto arrabbiare ma che potrebbe portarmi ad avere una rivincita“.

Dopo il GF, c’è qualcosa in particolare che ti piacerebbe fare?

Sono quasi al termine della mia seconda produzione musicale, quindi credo che ai primi di maggio uscirà il mio secondo disco e stiamo lavorando tantissimo per questo. Per quanto riguarda la televisione, se ci sarà un’occasione in cui la tv vorrà sfruttare il mio lato ironico dove loro possono credere in me e nelle mie capacità io sono disposto a qualsiasi cosa. Per adesso però mi sto concentrando di più sulla musica, mi sto dedicando tanto a Natalia dopo sei mesi senza di lei e stiamo cercando di comprare casa quindi il primo step sarà sicuramente questo”.

 

Antonella Panza