Madre uccide il figlioletto facendogli bere della benzina e gli dà fuoco

Notizia che ha dell’incredibile, una madre costringe il figlioletto a bere della benzina e gli dà fuoco. 

Madre e figlio
Madre e figlio (screenshot)

Nulla ha senso nella storia che stiamo per raccontarvi, una madre ha ucciso il figlio di otto anni dandogli fuoco. La donna ha costretto il bambino a bere della benzina così da potergli dar fuoco. La vicenda è accaduta in Kursk, in Russia, al confine con l’Ucraina. I medici hanno provato in tutti i modi a salvare la vita del piccolo ma non c’è stato nulla da fare, le ustioni sul corpo erano estese al 45%.

Il bambino è morto in ospedale, la mamma di 31 anni, Anastasia Baulina, ha spiegato il movente del suo insano gesto. La donna ha riferito che il bambino aveva fatto la spia ai suoi danni. Andrey (il nome del bambino) avrebbe detto al patrigno che sua madre aveva ricevuto la visita di un altro uomo. Anastasia per punirlo lo ha fatto morire tra atroci sofferenze.

LEGGI ANCHE —-> Giovane trentenne si schianta in autostrada: rivelata identità della vittima

Il piccolo Andrey era da poco uscito dall’orfanotrofio

orfanotrofio
Orfanotrofio (Foto di Elsemargriet da Pixabay)

LEGGI ANCHE —-> Catania sotto shock, Giulia muore con in grembo il suo Vittorio

Il patrigno di 35 anni, Pavel Baulin, è un bracciante agricolo. Al momento della tragedia è intervenuto per spegnere le fiamme ed ha allertato immediatamente i soccorsi. Il piccolo Andrey, dopo alcuni giorni di agonia, è morto.

La polizia del posto ha tratto in arresto la madre con l’accusa di omicidio.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Cimitero
(Getty Images)

La condanna per la donna è di 20 anni di carcere, il piccolo Andrey aveva vissuto per lungo tempo in orfanotrofio. Ora sono in corso delle indagini per capire a chi fosse assegnata la custodia di questo piccolo angelo volato in cielo troppo presto.