Ricomincio da tre: 40 anni fa usciva il capolavoro di Massimo Troisi

“Ricomincio da tre” è stato il primo film di Massimo Troisi. Uscito 40 anni fa, regalò il successo al comico napoletano e a Marco Messeri, che oggi lo ricorda così

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Massimo Troisi Official (@massimotroisi_official)

Uno dei film imperdibili della comicità all’italiana compie 40 anni. “Ricomincio da tre” fu il primo film diretto e interpretato da Massimo Troisi, e ancora oggi resta uno dei più amati. La pellicola fu campione d’incassi nel 1981, guadagnando 15 miliardi di lire e stabilendo un nuovo record di permanenza nelle sale: 43 settimane consecutive. Arrivarono anche i riconoscimenti ufficiali, con la vittoria di due David di Donatello, quello per il Miglior film e per il Miglior attore e un Nastro d’Argento alla regia.

Il film catapultò il comico napoletano nell’Olimpo del cinema nostrano e la notorietà raggiunta gli consentì di girare in breve tempo altri celebri lungometraggi: “Morto Troisi, viva Troisi!”, “Pensavo fosse amore… invece era un calesse” e “Le vie del Signore sono finite”. Al suo fianco c’era l’attore Marco Messeri, amico fraterno e compagno di palcoscenico. Oggi, in occasione dell’anniversario di “Ricomincio da tre”, lo ricorda così.

LEGGI ANCHE -> Massimo Troisi, la rivelazione su Il Postino: “decise di andare avanti a tutti i costi”

“Ricomincio da tre”: compie 40 anni il capolavoro di Massimo Troisi

 LEGGI ANCHE -> Massimo Troisi, chi era il grande attore scomparso nel 1994

Messeri nel film interpreta il ruolo di un uomo in cura nella struttura psichiatrica dove Gaetano, il personaggio di Troisi, troverà l’amore. La loro scena più celebre insieme è proprio quella del primo incontro fra Gaetano e il “matto”, in una sala d’attesa della clinica. Un botta e risposta nonsense che ha fatto la storia del cinema. L’attore toscano ricorda la genialità di Troisi: “Massimo aveva le idee chiare sul tipo di umorismo da usare in quello sketch. Una mattinata di riprese e andò subito bene”.

Messeri spiega che l’amicizia fra di loro iniziò negli anni ’70: si conobbero quando entrambi erano agli esordi e cercavano la fama nei teatri romani, fra tante avventure e qualche flop. Poi rivela un divertente retroscena sulla genesi di “Ricomincio da tre”. “Quando Massimo mi chiese di partecipare al suo primo film non aveva molti fondi per girare e io lo feci gratis. Così dissi alla produzione: se il film va bene, mi regalate un televisore a colori. E il tv color arrivò”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Messeri, che oggi ha 72 anni, confessa di ricordare con nostalgia l’amico scomparso prematuramente, a soli 41 anni nel 1994, per via dei suoi pregressi problemi di salute. Penso spesso a Massimo – dice l’attore toscano – e so che avrebbe trovato delle chiavi meravigliose per sorridere anche dei vaccini e della situazione che stiamo vivendo”.