Rula Jebreal: “Vi dico come mi sono liberata”

Rula Jebreal è tornata a parlare della sua storia difficile che si incrocia con il suicidio della madre. Un appello a non mollare

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Verissimo (@verissimotv)

Rula Jebreal è tornata a parlare della sua travagliata storia personale. Lo aveva fatto lo scorso anno sul palco del Festival di Sanremo durante il quale aveva raccontato la sua tragica vicenda familiare. La mamma, vittima di stupro per anni, si è tolta la vita.

La giornalista italo-israeliana è tornata a parlare di tutto questo nel salotto di Silvia Toffanin, a Verissimo, per presentare il suo libro “Il cambiamento che meritiamo” nel quale ha ripercorso la sua vita e le vicende tristi che l’hanno segnata.

Una storia la sua di cui per molto tempo si è vergognata ed in particolare di sua mamma. “In Medio Oriente c’è proprio lo stigma dello stupro che viene considerato un disonore ed è anche per questo che si impone alle donne il silenzio” ha raccontato Rula spiegando di aver deciso di rivelare la sua storia solo pochi anni fa sperando che possa aiutare altre donne.

LEGGI ANCHE –> Barbara D’Urso, una bella batosta. Qualcosa non va: aria di crisi

Rula Jebreal, la violenza, la morte e le ingiustizie

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Verissimo (@verissimotv)

LEGGI ANCHE –> Clamoroso, Raoul Bova diventa nonno: il racconto del figlio

E proprio raccontare tutto questo, tanta sofferenza, le ha permesso di sentirsi più libera. “Parlarne mi ha liberata” ha ammesso sottolineando però che quello che è successo a sua madre non è affatto un’eccezione.

E lei continua a raccontarlo proprio per portare alla luce la condizione delle donne in generale che nella società di oggi sono ancora vittime di violenza. La giornalista ha voluto spiegare che gli abusi subiti dalla madre sono arrivati dentro le mura di casa, cosa che accade nell’80% dei casi.

“Quando mia mamma ha denunciato non le hanno creduto e purtroppo anche questo è quello che succede a tante donne – ha tuonato – Mia mamma si è suicidata perché ha subito una doppia ingiustizia: dallo stupratore, il suo patrigno, e dalla società che non le ha creduto”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rula Jebreal (@rulajebreal)

Un messaggio forte quello mandato da Rula Jebreal che con la sua testimonianza ha voluto cercare ancora una volta di non spegnere i riflettori sulle ingiustizie che ogni giorno, purtroppo ancora, le donne sono costrette a subire.