USA, spari al supermercato: è una strage – VIDEO

Spari al supermercato. Ennesima sparatoria negli Stati Uniti, stavolta a Boulder, in Colorado. Il bilancio è gravissimo

Un’ennesima sparatoria si è consumata negli Stati Uniti. Questa volta lo scenario è stato la città di Boulder in Colorado. Il bilancio è gravissimo: sono morte dieci persone, tra queste anche un agente di polizia, intervenuto per fermare il killer. Si tratta della seconda sparatoria di massa negli USA nell’arco di una settimana: dopo la strage avvenuta in un centro massaggi ad Atlanta, questa volta la tragedia ha avuto luogo in un negozio di alimentari King Soopers.

Le immagini raccapriccianti di ciò che stava accadendo sono state trasmesse dal vivo in streaming dai testimoni presenti sul luogo. Gli spari sono iniziati intorno alle 14:30 (ora locale, 21.30 ora italiana) di lunedì 22 marzo. Il killer ha freddato immediatamente il primo agente di polizia incorso, identificato poi come come Eric Talley, 51 anni. Faceva parte del dipartimento di polizia di Boulder dal 2010.

LEGGI ANCHE –> Agghiacciante femminicidio: “ho appena ucciso la mia ragazza”

Spari al supermercato in Colorado: le parole dei testimoni

Spari al supermercato strage stati uniti
Sparatoria In Colorado – Fox (Youtube)

LEGGI ANCHE –> Auto precipita in un viadotto dell’autostrada: muore maestra di 40 anni

Circa 20 minuti dopo, lo stesso dipartimento di polizia di Boulder ha avvertito la popolazione tramite Twitter della sparatoria in atto: “Active Shooter al King Soopers on Table Mesa”. Con messaggi successivi ha intimato di evitare di avvicinarsi all’area e di non trasmettere sui social media alcun tipo d’informazione, fotografia o video per non divulgare manovre tattiche importanti ai fini delle operazioni di soccorso.

Tuttavia, molti scatti sono diventati virali su internet in cui erano evidenti i corpi delle vittime vicino al negozio di alimentari. Ulteriori immagini mostrano l’arrivo di altri agenti delle forze dell’ordine e il successivo arresto di un uomo bianco, vestito con pantaloncini corti e a torso nudo.

I nomi delle altre vittime non saranno resi noti finché i parenti non saranno stati informati dell’accaduto. Alcuni testimoni hanno raccontato che l’uomo non ha proferito parola prima della sparatoria: è semplicemente entrato e ha aperto il fuoco con un fucile AR-15. Un ragazzo si è dichiarato fortunato: “Sono un sopravvissuto. Ho rischiato la vita per una soda e un pacchetto di patatine”.

Su Twitter, il governatore del Colorado Jared Polis ha detto: “Le mie preghiere sono con i nostri fratelli in questo momento di tristezza e dolore mentre apprendiamo di più sulla portata della tragedia”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Il presidente Joe Biden è informato della sparatoria. La vicenda riapre l’aspro dibattito sulle armi negli Stati Uniti. Lo stesso Biden aveva promesso una legislazione più severa per garantire controlli sui precedenti di coloro che vogliano acquistare un’arma da fuoco.