Benno Neumair, dopo la confessione un’altra agghiacciante ipotesi

Dopo la confessione di Benno Neumair sull’omicidio dei genitori, emergono ulteriori dettagli agghiaccianti 

Benno Neumair, il 30enne responsabile dell’omicidio dei genitori, Laura Perselli e Peter Neumair, entrambi insegnanti in pensione, ha confessato il terribile svolgimento dei fatti di quella mattanza.

Secondo la sua versione, mentre si riposava in camera sua, sarebbe entrato il padre, con il quale è subito nata una discussione di natura economica. Sempre stando alla confessione, a quel punto reagisce d’impeto, e trovando gli attrezzi per allenarsi vicino alla sua posizione, utilizza la corda da arrampicata per soffocare il padre.

La madre si trovava dalla nonna di Benno in convalescenza, e quest’ultimo avrebbe atteso il suo rientro. L’ha immediatamente aggredita, e come lui stesso sostiene “avevo ancora la corda in mano, e mi è venuta da fare la stessa roba senza nemmeno salutarla“.

La nuova drammatica ipotesi appena emersa riguarda proprio la nonna di Benno.

LEGGI ANCHE —> Benno, le preoccupazioni della madre per il figlio: le frasi mai svelate

Benno Neumair, nuovi agghiaccianti sospetti

Omicidio Bolzano nuovi sospetti
Laura Perselli e Peter Neumair (Instagram)

LEGGI ANCHE —> Cadavere di un uomo incastrato in un tombino. Mistero sulla vicenda

Sono molte le zone d’ombra della confessione del Benno, tanto che si apre l’ipotesi di omicidio premeditato. Gli elementi che indirizzano verso questa tesi sono diversi, come il messaggio inviato all’amica dalla quale ha passato quella notte, che avrebbe raggiunto la sua abitazione per mezzo dell’auto di famiglia, alla quale gli era completamente vietato l’accesso.

Un altro indizio riguarda la boccetta di anestetico scomparsa dallo studio dentistico dove si era recato per curare delle carie a metà novembre. Il medico ha in seguito dichiarato che si era interessato in modo particolare all’anestetico utilizzato, ipotizzando che sia stato lui a portarlo via, magari con l’intenzione di utilizzarlo.

Ma c’è un agghiacciante sospetto che è emerso durante la puntata di “Chi l’ha visto“, sottolineato dalla sorella di Benno, Madè. I primi di gennaio la nonna di Benno era stata dimessa dall’ospedale per trascorrere a casa la convalescenza, sotto la cura di una badante.

Proprio quest’ultima ha raccontato dell’insistenza di Benno in un’occasione particolare, in cui lui stesso voleva fare la flebo alla nonna. Su indicazione della sorella, la badante avrebbe prima tentato di dissuaderlo, per poi essere costretta a vietarlo categoricamente, fino a minacciare di rivolgersi alle autorità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Tragedia Neumair parla la sorella Madè
Madè con i genitori Peter Neumair e Laura Perselli (Facebook)

Non molto dopo il controverso episodio, le condizioni di salute della nonna sono peggiorate fino al suo decesso. Il sospetto della sorella Madù è che sia stato a causa di un liquido iniettato dal fratello, che avrebbe così ucciso anche la nonna.