Speravo de morì prima, la seconda stagione è celata nel finale

A poche ore di distanza dall’appuntamento conclusivo con la serie “Speravo de morì prima” si inizia già a parlare della seconda stagione.

speravo morì prima seconda stagione
Francesco Totti (Getty Images)

Prima del debutto sul piccolo schermo della serie televisiva dedicata al fedele capitano della A.S. Roma, Francesco Totti, non si sarebbe mai potuto ipotizzare che i suoi telespettatori fremessero già all’idea, ed a sole poche ore dalla sua conclusione, di una seconda stagione.

Quello di “Speravo de morì prima” è un percorso composto unicamente da sei episodi. E che sembra risuonare fin dall’inizio come la promessa di un racconto spesso trasfigurato dall’ironia e dalla lente d’ammirazione dimostrata nel corso degli anni da parte dei suoi tifosi. Una volontà dunque di portare alla luce ogni aneddoto riguardante la vita di Francesco dentro, ma anche fuori dal campo. Un racconto esaltante realizzato dal regista Luca Ribuoli che, attraverso numerosi flashback, mostra al pubblico l’infanzia come l’interezza dei 28 anni di carriera di Francesco vestendo la maglia giallorossa.

Leggi anche —>>> Speravo de morì prima, l’indiscrezione sul papà cela una grande umanità

“Speravo de morì prima” e il “the end” in vista della seconda stagione

Potrebbe interessarti anche —>>> Speravo de morì prima, il litigio: cosa accadde nella realtà tra Totti e Spalletti?

Nonostante la sua uscita dalla scene calcistiche, Totti porterà con sé un titolo che resterà per sempre nella storia. Ovvero, quello di ‘”ottavo re di Roma”. Dallo spirito guida del calciatore romano, interpretato da un immaginifico e sorprendente Antonio Cassano. Al superbo antagonista per eccellenza nel ruolo di Luciano Spalletti. Fino a giungere alla maestosa interpretazione di Monica Guerritore, nei panni della mamma Fiorella. La sua totalità sembrerebbe essere riuscita ad emozionare anche chi di calcio non si è mai realmente interessato.

Dopo le ultime due puntate, a rincuorare i suoi fan, pare sia stato proprio il significato nascosto nel finale di stagione. La miniserie termina infatti con il commovente addio di Francesco alla Roma, avvenuto il 28 Maggio 2017. Eppure, nonostante il tempo continui a scorrere inesorabilmente, la luce di speranza in fondo al tunnel sembrerebbe essere stata sancita proprio dagli ultimi attimi della puntata conclusiva. L’allusione ad un nuovo anno da giocare, proposto dal rappresentante della società, ed il successivo cenno ad una stagione futura “2026-2027” potrebbe simboleggiare la desiderata svolta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sky (@skyitalia)

Nonostante al momento del debutto i creatori non avessero previsto un sequel. Adesso, soprattutto in vista del clamore suscitato nei suoi telespettatori, le speranze di vedere realizzata una nuova stagione potrebbero essere molte. Non resta che attendere una risposta definitiva da parte della produzione, quanto il parere dell’ex capitano.