“Mi devono sedare per medicarmi” il racconto del dolore di Gianni Morandi

“Mi devono sedare per medicarmi” il racconto del dolore di Gianni Morandi. Dopo quello che è accaduto, il cantante si è confessato sulla sua convalescenza 

Gianni Morandi mani ustionate
Gianni Morandi (Getty Images)

Gianni Morandi è ricoverato all’ospedale Bufalini di Cesena, dopo le ustioni che sono state causate dell’incidente che ha avuto circa tre settimane fa mentre bruciava sterpaglie nel giardino della sua amata casa, scivolando sulle fiamme e rischiando davvero di metterci la pelle. In tutti i sensi. Un brutto momento per il cantante che ha rischiato la vita e poi di rimetterci le sue amate mani, le famose mani che lo hanno reso iconico. Ricoverato da diverse settimane, ha raccontato a Il Resto del Carlino quello che sta succedendo.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Tommaso Zorzi compie 26 anni: la commovente dedica di Francesco Oppini

Gianni Morandi e il suo dolore dopo l’incidente: “Mi devono sedare”

Gianni Morandi condizioni di salute
Gianni Morandi – Instagram

Bruciature sul 15% del corpo, mani, gambe e anche un orecchio, non è facile affrontare questa situazione. “Quando mi cambiano i bendaggi mi addormentano” ha raccontato, confessando un dolore che sta cercando di affrontare nel migliore dei modi ma non per questo è facile. “Col passare dei giorni mi spavento sempre di più. Perché mi rendo conto del rischio che ho corso e di quanto sono stato fortunato. Prima di tutto, ho salvato la vita. Perché quando tu cadi dentro a una buca così, mentre spingi dentro un tronco che pensi faccia resistenza e ti trovi in mezzo alle braci, con le fiamme intorno, è una cosa tremenda“.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Amici 20, chi è Sangiovanni: vita, carriera e il suo vero nome

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Gianni Morandi come sta Mihajlovic
Gianni Morandi (Getty Images)

Mi sono attaccato con le mani a un ramo che bruciava pur di saltare fuori. La seconda cosa importante è che ho salvato la faccia” ha continuato. “Credo che ci sia qualcuno che mi ha guardato dal cielo, ne sono convinto“.