Minori, il sindaco distrugge tutto durante un picnic proibito: il caos – VIDEO

Il sindaco di Minori, Costiera Amalfitana, distrugge il picnic imbandito durante la zona rossa e genera il caos tra i presenti: la protesta filmata dai cittadini.

Picnic proibito minori sindaco distrugge
Picnic (Getty Images)

Un vero “show”. Così è stato definito dai cittadini del luogo. Quello verificatosi nel comune di  Minori, in provincia di Caserta, soltanto pochi giorni fa. A sbaragliare il tentativo di evadere la legge durante la zona rossa è stato lo stesso sindaco della cittadina. Inizialmente il primo cittadino, Andrea Reale, trovandosi di fronte una scena del tutto irreale, ha repentinamente chiesto l’aiuto delle forze dell’ordine. Un numeroso gruppo di persone si trovava intorno ad una tavola imbandita. Dove, la serie di commensali al suo seguito, ignorava palesemente i divieti anti-contagio. I vigili urbani hanno eseguito gli ordini. Si sono avventati sui tavolini con violenza. Sgomberando il luogo.

Leggi anche —>>> Pasqua, centinaia di persone indigenti in fila per ricevere un pasto a Milano

Minori, picnic proibito #ioapro, poi il primo cittadino sbaraglia il tutto

Potrebbe interessarti anche —>>> Denise Pipitone, cambia tutto: comunicata nuova data per scoprire se è lei la ragazza russa

Ad innescare tale idea è stata la protesta contro le normative restrittive vigenti indette dal Governo. Ha avuto inizio lo scorso 28 marzo. L’iniziativa è stata portata avanti in molte città italiane. Tra queste Roma, Bologna, Palermo, Milano ed in ultimis dunque anche Napoli. La contestazione è stata realizzata sotto il nome del gruppo #ioapro. E risulta attualmente visibile anche sui principali social di riferimento. Si fa portavoce dell’esasperazione dei commercianti e cittadini sulle mancate riaperture.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Polizia
Polizia (Getty Images)

Si può andare in vacanza all’estero ma non si può mangiare un panino fuori“, così hanno protestato a gran voce in molti durante quest’ultimo episodio avvenuto nei pressi delle spiagge della Costiera Amalfitana. Per concludere, il complessivo scenario imbarazzante è stato ripreso dai presenti grazie all’ausilio dei loro cellulari. E successivamente postato sul web in molti canali YouTube e rispettive pagine Instagram.