Stefania Orlando e la denuncia sui social: “Io dico basta”

Stefania Orlando e la denuncia sui social: “Io dico basta”. L’ex concorrente del Grande Fratello Vip ha parlato pure lei del catcalling sul suo profilo di Twitter

Stefania Orlando
Stefania Orlando (Getty Images)

Stefania Orlando è stata una delle concorrenti più amate dell’ultima edizione del Grande Fratello Vip. Nella casa più spiata d’Italia ha avuto modo di parlare di tante cose della sua vita privata e in qualche modo è riuscita a tornare sotto ai riflettori dopo anni in cui aveva deciso di stare un po’ meno sullo schermo. In questa esperienza ha avuto modo di farsi amare da tantissime persone che hanno cominciato a seguirla e non l’hanno più lasciata, e che continuano dunque a seguirla anche ora che il GF è giunto a capolinea da più di un mese.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Tommaso Zorzi compie 26 anni: la commovente dedica di Francesco Oppini

Stefania Orlando denuncia il catcalling sul suo profilo di Instagram

Stefania ha deciso di aiutare Aurora Ramazzotti che la settimana scorsa ha denunciato il catcalling con diverse storie su Instagram e qualcuno le ha remato contro. Vittoria Puccini proprio qualche giorno fa ha deciso di sposare questa causa e così ha fatto anche Stefania sul suo profilo di Twitter: “Da adolescente se vedevo dei ragazzi a poca distanza da me cambiavo marciapiede, per evitarmi parole pesanti e sguardi fastidiosi. Il catcalling non è un complimento ma una molestia. Spesso è praticato dal branco perché l’uomo da solo non è così coraggioso. Io dico basta“.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Amici 20, chi è Sangiovanni: vita, carriera e il suo vero nome

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Stefania Orlando dolce messaggio
La showgirl del GF Vi p Stefania Orlando (Getty Images)

Del catcalling si sta parlando davvero tanto in questi giorni perché le donne dovrebbero essere libere di girare per strada senza temere che qualcuno fischi e senza il terrore che questi uomini le inseguano e possano poi farle del male.